ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAssicurazioni

Generali brilla a Piazza Affari dopo trimestrale, per i broker conti oltre attese

La compagnia batte le stime sul risultato operativo e utile netto. Il titolo si riporta ai livelli di inizio giugno

di Cheo Condina

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Generali brilla a Piazza Affari dopo i conti superiori alle attese e la conferma dei target del piano al 2024, riportandosi così ai valori di inizio giugno, 16,7 euro, livello in ogni caso recuperato anche dall'Ftse Mib in questi giorni. Reazione positiva, oltre che dal mercato, anche dalle principali case d'investimento.

Nel dettaglio, nei nove mesi il risultato operativo risulta in crescita a 4,77 miliardi (+7,8%) e l'utile netto stabile a 2,233 miliardi (senza le nuove svalutazioni in Russia sarebbe a 2,374 miliardi), entrambi gli indicatori sono sopra la forchetta massima del consensus. I premi lordi risultano in aumento a 59,8 miliardi (+1,3%), grazie allo sviluppo del Danni (+10,3%), in particolare nel non auto, mentre il Vita è calato del 2,9%. Cala il Solvency Ratio al 223% (dal 227% di fine anno per effetto, tra gli altri, di M&A e buyback), anche se a fine ottobre si era riportato al 225% per effetto del miglioramento del comparto obbligazionario, mentre il Combined Ratio aumenta di 2 punti percentuale, attestandosi al 93,3%, soprattutto per una maggiore sinistralità.

Loading...

Target di piano confermati

Per quanto riguarda l'outlook "i risultati finanziari del periodo testimoniano gli effetti positivi della strategia del gruppo" che, tra l'altro, "dato l’attuale contesto di inflazione crescente e l’aumento dei costi di gestione dei sinistri, prevede ulteriori adeguamenti tariffari, in aggiunta a quelli già intrapresi". In ogni caso, "le iniziative strategiche e le azioni di business implementate sin dagli anni scorsi assicurano il buon posizionamento nel raggiungimento dei propri obiettivi" e "nonostante uno scenario macro-economico in evoluzione, Generali conferma l'impegno a perseguire una crescita sostenibile, migliorare il profilo degli utili e guidare l’innovazione in modo da realizzare" gli obiettivi del piano al 2024.

I broker: comparto Vita oltre le attese

Secondo Equita (rating hold, target price a 19,3 euro) il Leone ha riportato un risultato operativo al 30 settembre superiore alle attese, principalmente attribuibile a una migliore performance nel business Vita, a un più forte risultato nel segmento Holding e a minori elisioni intersettoriali, mentre il Danni "è risultato leggermente superiore alle attese". Il broker sottolinea come una Solvency al 223% sia "estremamente solida". Sulla stessa linea Intermonte (neutral, 16,8 euro): "Indicazioni positive dai risultati che hanno evidenziato una notevole tenuta degli andamenti operativi nel vita, seppure con un calo dei flussi netti e dell'asset management malgrado il contesto di mercato. Il management ha pienamente confermato le guidance di piano compresa la distribuzione di dividendi indicata a piano".

Morgan Stanley, dal canto suo, fa notare come il risultato operativo è oltre il consensus grazie soprattutto al settore Vita: così conferma il giudizio "equalweight" con prezzo obiettivo a 19 euro. "I premi totali per il gruppo sono stati pari a 60 miliardi di euro, l'1% in più rispetto alle aspettative, grazie alla forte crescita dei premi danni", aggiunge la banca americana. Anche Kepler Cheuvreux evidenzia le performance positive di tutte le linee di business e conferma il giudizio buy con prezzo obiettivo a 20,5 euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti