ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAssicurazioni

Generali, nei nove mesi balza a 4,8 miliardi il risultato operativo

Profitti stabili a 2,8 miliardi, premi vicini ai 60 miliardi, con la Solvency al 223%. Il combined ratio si attesta invece al 93%. Target confermati

di Laura Galvagni

(ANSA)

2' di lettura

Generali chiude i primi nove mesi del 2022 con risultati in linea, se non in alcuni casi superiori, alle attese del mercato. In particolare, a viaggiare sopra l’asticella immaginata da Piazza Affari è stato il risultato operativo che ha segnato una crescita del 7,8% a 4,8 miliardi, grazie allo sviluppo positivo dei segmenti vita e danni.

Gli altri numeri

Sul fronte della redditività il Combined Ratio è cresciuto di due punti percentuali al 93,3%, scontando di fatto le dinamiche che sta registrando l’intero settore danni. In ascesa, invece, il New Business Margin a 5,42% (+0,68 punti percentuali.)• In questo quadro l’utile netto è risultato stabile a 2,233 miliardi (-0,8%). Complice tuttavia l’impatto degli investimenti russi, senza il quale i profitti sarebbero saliti del 5,5% a 2,37 miliardi. Solida la posizione di capitale, con il Solvency Ratio al 223% dal 227% del 2021.

Loading...

Sul fronte della raccolta, i premi lordi sono aumentati dell’1,3% a 59,8 miliardi, grazie allo sviluppo del danni (+10,3%), in particolare nel non auto; Diversamente il vita ha segnato un calo del 2,9%. A tal proposito la raccolta netta vita si è attestata a 7,7 miliardi, guidata dalle linee unit-linked e puro rischio e malattia, coerentemente con la strategia di riposizionamento del portafoglio.

Gli Asset Under Management complessivi del gruppo sono pari a 621,8 miliardi (-12,4% rispetto al 2021), riflettendo principalmente l'aumento dei tassi di interesse sui titoli a reddito fisso. Il patrimonio netto di gruppo è sceso attestandosi a 16,578 miliardi (-43,4% rispetto al 2021). La variazione è principalmente ascrivibile alla diminuzione della riserva per utili attribuibili alle attività finanziarie disponibili per la vendita per circa 14 miliardi, derivante soprattutto dall'aumento dei tassi di interesse e degli spread corporate

Il commento

Il group cfo di Generali, Cristiano Borean, ha commentato così i numeri: «I risultati dei primi nove mesi riflettono la solidità del nostro Gruppo basata sulla nostra strategia focalizzata sulle linee di business più profittevoli e su fonti di utili diversificate. Questo ci permette di continuare a generare valore nonostante il contesto macroeconomico. Generali sta conseguendo con successo una crescita sostenibile e sta aumentando costantemente il proprio risultato operativo, in coerenza con l'efficace implementazione del nostro piano strategico ‘Lifetime Partner24: Driving Growth'».

I target

Infine, per quanto riguarda l’outlook «i risultati finanziari del periodo testimoniano gli effetti positivi della strategia del gruppo» che, tra l’altro, «dato l'attuale contesto di inflazione crescente e l'aumento dei costi di gestione dei sinistri, prevede ulteriori adeguamenti tariffari, in aggiunta a quelli già intrapresi». In ogni caso, «le iniziative strategiche e le azioni di business implementate sin dagli anni scorsi assicurano il buon posizionamento nel raggiungimento dei propri obiettivi» e «nonostante uno scenario macro-economico in evoluzione, Generali conferma l’impegno a perseguire una crescita sostenibile, migliorare il profilo degli utili e guidare l'innovazione in modo da realizzare» gli obiettivi del piano al 2024.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti