assicurazioni

Generali scommette sull’Europa. Nel piano più crescita e dividendi

di Laura Galvagni


2' di lettura

Più utili, con un aumento del tasso annuo di crescita del 6-8%, più dividendi, grazie a un pay out che si posizionerà tra il 55 e il 65%, una maggiore generazione di capitale, meno debito e un rendimento più elevato per i soci, con un return on equity medio superiore all'11,5%. È questa la sintesi finale del nuovo piano strategico di Generali al 2021 approvato ieri sera dal consiglio di amministrazione del gruppo e presentato oggi.

Per arrivare a questi risultati la compagnia ha messo in pista un progetto che si fonda su tre pilastri chiave: crescita profittevole, capital management e ottimizzazione finanziaria e infine innovazione e trasformazione digitale.
Punto cardine dello sviluppo sarà il rafforzamento della leadership in Europa. Il vecchio continente continua a essere considerato non solo un mercato strategico ma anche ad alto potenziale. E per questo gli occhi saranno puntati su Italia, Germania, Francia, Spagna ma ovviamente anche sull'Est Europa. Centrale sarà anche l'America Latina e l'Asia e la capacità di crescere nell'offerta alle pmi. E proprio questo sforzo dovrebbe garantire un tasso annuo composto di crescita degli utili del 15-25% al 2021. Un altro 15-20% di incremento composto dei profitti, sempre al 2021, arriverà dalla realizzazione di una piattaforma globale di asset management.

A tutto questo si affiancherà una forte azione sul capitale dettata principalmente da un sensibile aumento della generazione di capitale (oltre 10,5 miliardi il dato cumulativo al 2021), da maggiori rimesse di cassa alla holding da parte delle società operative sui territori che cresceranno del 35%, favorendo così l'ascesa dei dividendi, e da una riduzione del livello e del costo del debito, rispettivamente di 1,5-2 miliardi e di 70-140 milioni. Tutto questo stante un ulteriore obiettivo di taglio dei costi di circa 200 milioni al 2021 nei mercati maturi.

Inoltre il gruppo investirà 1 miliardo sulla trasformazione digitale (del modello operativo) e per diventare life time partner dei clienti. Diventare life time partner vorrà dire riuscire a garantire una copertura costante, sette giorni su sette e 24 ore su 24, con soluzioni innovative e personalizzate sostenute da una rete distributiva fatta di oltre 150 mila agenti.

In questo scenario c'è anche spazio per la sostenibilità: Generali si impegna ad aumentare del 7-9% i prodotti retail green e ad allocare 4,5 miliardi in investimenti green al 2021.

«Oggi Generali presenta una strategia ambiziosa – ha commentato il ceo Philippe Donnet – per accelerare la crescita del Gruppo e offrire elevati rendimenti e ai nostri azionisti. Il principale obiettivo è quello di diventare life-time partner dei nostri clienti. La visione strategica chiara e distintiva di Generali fa leva sui nostri punti di forza per consolidare la leadership in Europa, focalizzata su clienti retail e pmi, espandere le operazioni nei mercati ad alto potenziale e sviluppare una piattaforma globale di asset management. Siamo fiduciosi e pronti ad attuare il nuovo piano strategico, consapevoli che il nostro track record di eccellenza garantirà il suo successo».

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti