reshoring

Genova in prima linea contro la fuga di cervelli all’estero

Uno studio rileva che, per un giovane italiano di talento su cinque, l’effetto pandemia ha accresciuto la propensione a cercare lavoro in Italia. Il convegno We’re back punta sulle nuove opportunità a disposizione

di Raoul de Forcade

default onloading pic
Il porto di Genova (Imagoeconomica)

Uno studio rileva che, per un giovane italiano di talento su cinque, l’effetto pandemia ha accresciuto la propensione a cercare lavoro in Italia. Il convegno We’re back punta sulle nuove opportunità a disposizione


2' di lettura

Per un giovane italiano di talento su cinque, residente all’estero, l’effetto pandemia ha accresciuto la propensione a cercare lavoro in Italia. E' quanto emerge dalla ricerca Covid-19. L'impatto sui giovani talenti, pubblicata a giugno da Pwc.

I giovani all’estero, si legge nello studio, ritengono che la pandemia possa creare nuove opportunità in Italia, sia quanto a carriera professionale (24% del campione) sia a livello di sistema Paese (50%).

Proprio sul rientro dei cervelli dall’estero anche alla luce della recente, e ancora attuale, emergenza sanitaria si concentra l’attenzione della seconda edizione We’re back, evento in programma sabato 19 settembre a Genova, presso i Magazzini del Cotone di nel porto antico.

A fronte di un saldo fra immigrati ed emigrati che vede l’Italia perdere, tra il 2013 e il 2018, 100mila laureati (fonte Istat), quali sono le opportunità che il sistema economico del Paese può dare?

A questa e altre domande cercheranno di rispondere i relatori presenti all’incontro di Genova, tutti con esperienze all’estero e l’obiettivo di proporre nuove prospettive capaci di spingere i giovani a realizzarsi professionalmente in Italia, invertendo così la tentazione di fare rotta verso altri Paesi. L’evento è organizzato dall'associazione NewGen, un collettivo di giovani che pensa e agisce nell’ottica di promuovere progetti innovativi per lo sviluppo di Genova e dell'Italia.

La conduzione della kermesse è affidata alla presentatrice televisiva Victoria Cabello. E saranno sette i relatori pronti a condividere le loro storie e le analisi sulle best practices da importare nel nostro Paese.

Prenderanno parte all’evento Vincenzo Novari, ceo del Comitato organizzativo delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026; Veronica Squinzi, ceo & global development director di Mapei; il regista Gabriele Muccino; Roberto Bernabò, vicedirettore del Sole 24 Ore; Margherita Pagani, ceo di Impacton; Paolo Basilico, fondatore di Samhita Investments e Benedetta Arese Lucini, ceo e co-founder di Oval Money.

We’re back, sottolineano gli organizzatori, «sarà una giornata d’ispirazione, motivazione, incontro, formazione e networking, in cui i giovani potranno ascoltare i racconti di chi, credendo nell'Italia, ce l'ha fatta».

L’evento è realizzato con il supporto di Banca Passadore. «Siamo convinti - dicono i vertici dell’istituto di credito genovese - che queste occasioni d’incontro possano essere utili a stimolare la riflessione su come fermare l’emorragia di talenti che continua a interessare il nostro Paese e far sì che cominci un flusso migratorio contrario, che riporti in Italia i nostri giovani».Hanno collaborato e sostenuto la realizzazione dell’evento anche altri partner, tra i quali Erg e Rimorchiatori Riuniti.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti