CLIMA DI «GRANDE AMICIZIA»

Gentiloni a colloquio da von der Leyen, si tratta per gli Affari economici o la Concorrenza

Il colloquio fra la presidente della Commissione e l’ex premier italiano è durato un’ora e si è svolto in un clima di «grande amicizia», riferiscono fonti europee

Paolo Gentiloni indicato come commissario italiano Ue

Il colloquio fra la presidente della Commissione e l’ex premier italiano è durato un’ora e si è svolto in un clima di «grande amicizia», riferiscono fonti europee


2' di lettura

È durato circa un'ora il colloquio tra la futura presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il candidato commissario italiano Paolo Gentiloni. Non ci sono state dichiarazioni né da una parte né dall'altra. L'incontro si è svolto a Palazzo Berlaymont a Bruxelles. Gentiloni è in corsa per avere il portafoglio degli Affari economici ma una decisione non è ancora stata presa perché sono in corso trattative tra von der Leyen e diverse altre capitali sull'attribuzione delle responsabilità all'interno del nuovo esecutivo europeo. Ad esempio secondo il Financial Times, che cita due fonti a Bruxelles, l’ex premier italiano sarebbe in procinto di andare alla Concorrenza. La nuova squadra dei commissari e portafogli relativi sarà presentata martedì prossimo a Bruxelles.

GUARDA IL VIDEO - Paolo Gentiloni indicato come commissario italiano Ue

Giochi ancora aperti
Come già ricordato von Der Leyen - alla guida della Commissione Ue dal primo novembre - sarebbe dunque orientata ad affidare all'ex premier italiano gli Affari economici, venendo incontro ai desiderata del Governo Conte. In subordine ci sarebbe il portafoglio al Commercio, che però viene dato per destinato all'irlandese Phil Hogan (già commissario e in una posizione politicamente di rilievo nel quadro della Brexit). Tra le altre ipotesi allo studio, anche questa in attesa di conferma, c'è poi la nomina della francese Sylie Goulard alla Concorrenza. A conferma che il confronto è ancora aperto e che il puzzle delle nomine deve ancora essere composto.

Clima di «grande amicizia»
Secondo fonti interpellate dalle agenzie a Bruxelles, l’incontro si è svolto in un clima di «grande amicizia». Nell'accogliere l'ex premier, von der Leyen gli ha fatto fare un giro degli uffici del team di transizione. Il colloquio servirà ad orientare le decisioni di von der Leyen nell'attribuzione dei portafogli, con l'ambizione italiana che resta quella degli Affari economici. Il cambio di guardia nel governo italiano, con il passaggio dall’alleanza Lega-Cinque stelle all’intesa fra Cinque stelle e Pd, ha migliorato le credenziali del nostro esecutivo per un ruolo nella squadra di commissari presieduta da von der Leyen. Sotto alla maggioranza gialloverde, l’Italia si sarebbe avviata a un portafoglio di peso minore come agricoltura o industria, probabilmente grazie alla mediazione di una figura tecnica. La formazione dell’esecutivo di centrosinistra guidato da Giuseppe Conte, guardato con più favore da Bruxelles, ha riaperto i giochi per una posizione di maggior rilievo all’interno dell’esecutivo comunitario.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti