A Weimar E Dessau

Germania, 600 eventi per celebrare il centenario della Bauhaus

di Enrico Marro


default onloading pic

2' di lettura

Nel centenario della nascita della Bauhaus, due nuovi musei stanno aprendo i battenti in Germania per celebrare la più importante scuola d'arte del Novecento, pietra angolare di architettura e design moderni, fondata da Walter Gropius e animata da maestri come Paul Klee, Vasilij Kandisnkij e Oskar Schlemmer.

A Weimar, città simbolo della Bauhaus, a inizio aprile verrà inaugurato il nuovo museo voluto dalla fondazione Klassik Stiftung Weimar: disegnato dal vincitore di un concorso internazionale, il berlinese Heike Hanada, l'edificio in vetro striato dalle linee essenziali e minimaliste sorgerà nella zona nord della città tedesca, ai confini con il Weimarhallen Park, in aperto contrasto con le vicine architetture di stile nazista. La cittadina della Turingia fu il luogo originario della Bauhaus, la prima sede dove nel 1919 Gropius ebbe la possibilità di mettere in pratica il suo ideale di forgiare gli uomini moderni attraverso gli oggetti d'uso quotidiano.

In autunno le celebrazioni della più importante scuola di design della storia toccheranno invece Dessau, dove la Bauhaus si spostò nel 1925 nell'edificio progettato dallo stesso Gropius, capolavoro e allo stesso tempo manifesto dell'architettura razionalista di quegli anni. Nella cittadina della Sassonia-Anhalt che sorge sulla confluenza dei fiumi Elba e Mulde, in autunno aprirà i battenti il nuovo Bauhaus Museum, disegnato dallo studio catalano Addenda Architects che ha vinto un concorso internazionale con 831 partecipanti. Il nuovo spazio di 2100 metri quadrati, costato 28 milioni di euro, ospiterà circa 49mila disegni e oggetti in un grande edificio metallico a forma di scatola “inglobato” in un'altra costruzione in vetro.

Più di 600 eventi
Ma le celebrazioni per il centenario della nascita della Bauhaus sono già iniziate: in programma ci sono oltre 600 manifestazioni in tutta la Germania, di cui 45 nella sola Berlino nei primi sei mesi dell'anno. Nella capitale si è appena concluso un primo evento di nove giorni presso la Berliner Akademie der Künste: concerti, installazioni, workshop, spettacoli di teatro e di danza, con oltre 100 artisti internazionali tra i quali Robert Wilson, Richard Siegal, Michael Wollny, Sandra Hüller, Trajal Harrell, Mykki Blanco, Cesc Gelabert e Michael Wollny.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...