il terremoto dopo le elezioni nel land

Germania, dopo la sconfitta in Assia Merkel rinuncia alla guida della Cdu

di Isabella Bufacchi


default onloading pic
Angela Merkel (Epa)

2' di lettura

La Cancelliera tedesca Angela Merkel intende lasciare tra un mese la presidenza del suo partito, la Cdu. La decisione sarebbe stata presa oggi dopo l’esito negativo delle elezioni regionali in Assia. Lo indicano alle agenzie internazionali fonti del partito che confermano le indiscrezioni dei siti dei giornali tedeschi Spiegel e Handelsblatt. Le stesse fonti danno l’ex capogruppo dell’Unione Friedrich Merz come possibile candidato al posto di Merkel.

Il crollo ieri in Assia per la Cdu e l’Spd, dopo la batosta in Baviera per la Csu e di nuovo l’Spd, ha confermato la disaffezione costantemente in ascesa dell’elettorato tedesco nei confronti dei tre partiti dell’establishment di centrodestra e centrosinistra che formano la Grande Coalizione, la rapida ascesa dei Verdi (che hanno una lunga tradizione in Germania tanto da renderli quasi establishment) e un consenso in aumento a favore dell’estrema destra dell’Afd: quest’ultimo tuttavia sembra si stia assestando sotto il 20%, relegando questa nuova forza politica ai margini dell’opposizione, non essendo riuscito a legare con nessun altro partito nei vari Parlamenti dove sta entrando, dopo quello Federale ora anche a livello locale.

L’Assia ieri dopo la Baviera indebolisce la cancelliera Angela Merkel nei confronti della quale i consensi dei cittadini tedeschi traballano dal 2015, da quando aprì le frontiere per accogliere una massa di rifugiati da Siria, Afghanistan, Iran e altri Paesi da quell'aerea (circa un milione in due anni) senza indicare quando e come le frontiere si sarebbero richiuse, come poi è avvenuto ma in maniera meno eclatante. Sul futuro di Angela Merkel c'è un grande punto interrogativo, perché al momento è l'unico grande leader politico – per quanto appannato – in Germania. Non si vedono né nella Cdu né in altri partiti per ora personaggi politici dello standing della Merkel in casa ma anche su scala europea e globale. La cancelliera, intanto,m resterà alla guida dell’esecutivo , pur volendo rinunciare, come detto, alla guida del partito.

L'Assia, come la Baviera, è un Land ricco: ha un'economia molto solida, un tessuto sociale benestante e con alti tassi di occupazione. L'elettorato tedesco resta tuttavia in crisi con l'establishment politico, il modo litigioso di lavorare della GroKo è giudicato inadeguato per rispondere alle grandi sfide del Paese: il protezionismo di Trump, l’immigrazione, la digitalizzazione, l’invecchiamento della popolazione, l’istruzione e la formazione, le riforme europee (mettendo l'Europa al momento agli ultimi posti). Per questo, non è escluso che il primo impatto di Assia e Baviera sia un rimpasto del governo oppure soltanto un nuovo modo di comunicare le politiche sociali e fiscali in corso dei tre partiti Cdu-Csu e Spd. Ma la Merkel dovrà decidere sul suo futuro politico già a dicembre, al congresso della Cdu.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...