emissioni

Germania pronta per l’emissione del suo primo green bond

Confermate due obbligazioni a 5 e 10 anni da collocare da settembre. Complessivamente si aggireranno tra gli 8 e 12 miliardi di euro

di Ma.Mo.

default onloading pic
(AdobeStock)

Confermate due obbligazioni a 5 e 10 anni da collocare da settembre. Complessivamente si aggireranno tra gli 8 e 12 miliardi di euro


2' di lettura

La Germania entra nel mercato delle obbligazioni sostenibili confermando l’emissione del primo green bond. Il deal che sarà lanciato il prossimo settembre (scadenza 10 anni e cedola pari a zero) sarà seguito da un altro bond nel quarto trimestre con scadenza 5 anni. L’annuncio era già stato fatto lo scorso dicembre, ieri è giunta la conferma. Si tratterà di un twin bond del Bund agosto 2030, con scadenza e cedola identici e l’emissione verrà effettuata tramite un sindacato. Complessivamente le emissioni verdi teutoniche si aggireranno tra gli 8 e 12 miliardi di euro.

L’emissione di green bond ha avuto un’accelerazione dopo l’annuncio della Bce, avvenuto prima della crisi Covis-19, di inserire le criticità dei cambiamenti climatici come una “mission” dell’istituto centrale, aprendo la porta agli acquisti da parte di Eurotower di questa asset class. La stessa Germania ha avviato un ampio programma per la protezione del clima da 54 miliardi di euro per ridurre le emissioni di carbonio.

La Germania arriva tardi in questo nuovo trend delle emissioni verdi: tre anni fa la Francia è diventata la prima nazione tripla A ad emettere green bond collocando 7 miliardi di euro con scadenza 22 anni. Da allora il rendimento dell’obbligazione è sceso (mentre il prezzo è salito) dall’1,75% allo 0,5%, evidenziando l’interesse della domanda degli investitori per rendimenti solidi a lunga scadenza in una fase di rendimenti ultra bassi. Da allora Belgio, Paesi Bassi, Irlanda, Polonia, Parigi hanno seguito l’esempio collocando a loro volta obbligazioni verdi.

Un passo avanti nello stabilire che cosa si intenda per investimenti verdi è stato fatto la scorsa settimana dal Parlamento europeo con l’approvazione della tassonomia degli investimenti sostenibili, stabilendo sei obiettivi ambientali. Un’attività potrà dunque avere la patente di sostenibilità se contribuisce ad almeno uno di questi obiettivi senza danneggiare in modo significativo uno degli altri: dalla riduzione dei gas serra, alla protezione delle acque, al sostegno alle attività circolari, alla prevenzione dell’inquinamento. Le emissioni verdi potranno essere considerate tali se legate a un programma con queste caratteristiche con controlli annuali da parte di terze parti.

L’annuncio dell’emissione tedesca riporta l’attenzione sui green bond oscurati in questi mesi dai bond legati al coronavirus: secondo Morgan Stanley, ad aprile di quest’anno 2020 sono stati emessi 32 miliardi di dollari di obbligazioni «sociali» e «sostenibili» a sostegno dell’emergenza Covid, il primo mese in cui l’emissione di obbligazioni sociali e di sostenibilità hanno superato quelle le obbligazioni verdi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti