germania

Germania, voto in Assia: batosta Cdu, volano i Verdi al 20% e la destra al 13%


default onloading pic
I candidati verdi alle elezioni in Assia festeggiano il risultato elettorale. Da sinistra Tarek Al-Wazir, Priska Hinz e la co-leader federale Annalena Baerbock

2' di lettura

Batosta per la Cdu, nell'Assia tedesca, dove stando ai primi exit poll divulgati dalla ZDF i cristiano-democratici hanno preso il 27% dei consensi (nel 2013 presero il 38,3%), i socialdemocratici hanno preso il 20 (dal 30,7% di cinque anni fa). Volano i verdi con il 20% (ben più dell'11,1% di allora). Vince anche l'ultradestra di Afd con il 13 (4,1%) I liberali sono dati al 7% (dal 5%) mentre la Linke al 6,5 (5,2). Lo scenario che si configura conferma i pronostici sul voto, aumentando la pressione sulla tenuta del governo di Angela Merkel. I due partiti che tengono in piedi la coalizione, Cdu e Spd, sono nel vivo di una crisi di consensi che sta facendo perdere il controllo sulle regioni più importanti del paese.

«L'Assia non è mai stata così verde come oggi. Siamo felici di questo storico miglior risultato dei verdi in Assia». Lo ha detto la leader dei verdi tedeschi Annalena Baerbock, che condivide la presidenza con Robert Habeck, commentando alla Zdf i risultati emersi dagli exit poll, che vedono per ora gli ecologisti al secondo posto insieme ai socialdemocratici.

La leader socialista: non garantisco su tenuta coalizione
«Non posso del tutto garantire» sulla tenuta del governo della Grande Coalizione a Berlino, dopo le elezioni di domenica prossima in Assia, «ma se dovessi scommettere adesso, direi: sì». Così si era espressa oggi la leader socialdemocratica, Andrea Nahles oggi, nel corso di un'intervista radiofonica all'emittente Hr-info. Parole che fanno un certo effetto ora, dopo il flop annunciato del voto nella regione.

Per la presidente dell'Spd, che guida il governo federale insieme a Cdu e Csu, le elezioni nel Land dell'Assia «non sono comunque decisive per il mio destino e nemmeno in assoluto». Riguardo alla pesante perdita di consensi del suo partito nei sondaggi, Nahles ha ricordato come negli ultimi tempi «ci siano stati dei momenti difficili» e che «in futuro bisognerà fare di meglio e sarà fatto di meglio».

Anche la cancelliera tedesca, Angela Merkel, in un'intervista con la stessa emittente radiofonica ieri, aveva cercato di ridimensionare il valore delle elezioni in Assia, cercando di ricondurle al loro significato locale, e mettendo in guardia su un'interpretazione estesa al livello federale del responso che uscirà dalle urne.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti