ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLavoro

Gi group holding cresce con 5 acquisizioni nel 2022

Per la multinazionale italiana del lavoro il fatturato è passato da 1.581 milioni di euro nel 2015 a 3.227 milioni di euro nel 2021. Il mercato è in forte crescita: secondo i dati Assolavoro Datalab nei primi 3 mesi ci sono stati 500mila lavoratori in somministrazione

di Cristina Casadei

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Quello che ci siamo lasciati alle spalle è stato un anno decisamente d’oro per le agenzie per il lavoro. Anno di crescita e di espansione. E anche all’inizio di quest’anno arrivano segnali molto positivi dai dati. Quelli dell’Osservatorio Assolavoro Datalab raccontano che nei primi tre mesi del 2022 il numero medio mensile di persone che lavorano tramite Agenzia sfiora quota 500mila e a marzo 2022 è stato raggiunto un nuovo picco storico dei lavoratori in somministrazione con contratto a tempo indeterminato che sono diventati 113mila. Nell’arco degli ultimi tre anni considerando l’incremento dei nuovi contratti a tempo indeterminato, il 42% è un contratto sottoscritto con una Agenzia.

In 6 anni fatturato raddoppiato

In questo contesto la prima multinazionale italiana del lavoro, Gi Group Holding, registra una costante crescita, con il fatturato che è passato da 1.581 milioni di euro nel 2015 a 3.227 milioni di euro nel 2021. In questo stesso periodo, il CAGR si è attestato al 9% e l’FTE annuale medio è cresciuto da 74.340 a 122.896 registrando un record nel 2021 (+ 21.208) sul 2020, anno chiuso con un leggero calo contenendo lo scoppio della pandemia.

Loading...

Oltre metà fatturato all’estero

Nel suo percorso di crescita Gi group, che da qualche mese è certificata società benefit, sta diventando sempre più un player globale. Nell’anno fiscale 2021 i ricavi internazionali hanno superato la metà (50,8% contro il 49,2% nel FY20), per un ammontare di 1,6 miliardi di euro e una crescita di circa il 35% rispetto al 2020.

Nel 2022 Gi group farà 5 acquisizioni

Quest’anno il gruppo farà 5 acquisizioni oltre i confini nazionali, di cui 2 in Sud America, 2 in Europa e 1 nell’Estremo Oriente, oltre alle 2 già effettuate e cioè il Grupo Focun in Colombia e Stato Consultoria in Brasile. Gi Group diventa così presente in 29 paesi dove sta crescendo organicamente. Le acquisizioni in nuovi mercati sono il secondo pilastro della strategia di crescita.

Le linee di business

Il Temporary e Permanent Staffing rappresenta ancora oggi il principale driver di crescita dei ricavi e dell’FTE, con una quota dei ricavi dell’89% nel 2021, ma la holding continua a sviluppare ricavi anche da altri servizi dedicati alle risorse umane che hanno una maggiore marginalità. C’è poi il tema della digitalizzazione su cui sono indirizzati molti investimenti. Questo riguarda anche l’automazione dell’attività di recruiting che è in fase pilot in due Paesi e che vuole rispondere a una serie di obiettivi, tra cui una maggior rapidità nella selezione dei candidati. L’innovazione è un driver fondamentale della strategia di Gi Group holding, che, come spiega il ceo Stefano Colli-Lanzi, si trova «di fronte a una straordinaria opportunità e responsabilità: contribuire all’evoluzione positiva della società attraverso il lavoro. Ci prendiamo cura dei candidati, dei clienti e delle nostre persone, con un impatto positivo che cambia la vita dei nostri dipendenti, del mercato del lavoro, delle aziende e della società. Gi Group Holding ha un forte impegno nei confronti dei principi ESG illustrati nel nostro Manifesto del Lavoro Sostenibile, lanciato nel 2022. Vogliamo generare valore in un complesso processo di cambiamento: il mondo si avvicina all’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e ai suoi 17 Obiettivi Sostenibili e noi siamo consapevoli di poter avere un impatto tanto diretto quanto indiretto su alcuni di questi».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti