Finanza, l'impegno dei ceo per la diversity

9/17Business

Gian Maria Mossa, ceo di Banca Generali

(IMAGOECONOMICA)

«Crediamo sia molto importante promuovere la parità di genere e siamo molto attenti alle opportunità per le donne, così come a tutte le politiche dedicate alla diversity. Abbiamo una rappresentanza di quasi la metà di donne in banca e nel nostro consiglio di amministrazione (4 membri su 9 sono donne) composto da figure femminili di grande professionalità ed esperienza che arricchiscono la gestione della società. Anche a livello manageriale oltre un terzo delle figure dirigenziali è rappresentato da donne» commenta il ceo Gian Maria Mossa, aggiungendo: «C'è sicuramente molta strada ancora da fare, soprattutto nell'ambito della rete dove la rappresentanza si limita ad un quinto; che è comunque un dato migliore della media del settore nella consulenza ma che non ci soddisfa e speriamo di poter alzare nel prossimo triennio. Le colleghe banker dimostrano molto spesso grandissime competenze e forte capacità tecniche, oltre che relazionali specie nelle famiglie private. Abbiamo predisposto programmi e percorsi dedicati per favorirne l'inserimento e far comprendere appieno i vantaggi e le opportunità della nostra professione».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti