ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùtlc

Giga gratis a Natale da Tim, Vodafone e Wind Tre. Ecco come funziona l’offerta

I tre principali operatori di telefonia mobile hanno risposto all'appello della ministra Paola Pisano. E concederanno l’uso gratis del loro traffico dati a partire dal 24 dicembre alle 18 (Tim e Vodafone) e per tutto il 25 dicembre (Wind Tre)

di Andrea Biondi

default onloading pic
(Cultura / AGF)

4' di lettura

Tablet, smartphone e device che finiranno per rappresentare la porta su quegli affetti che l’emergenza Covid tiene lontani. Tutto questo a Natale sarà gratis per i clienti Tim, Vodafone e Wind Tre. Una piccola consolazione per chi non potrà muoversi o, dall’altra parte, scientemente sceglierà di non muoversi in questi giorni solitamente di esodo ma che, nell’annus horribilis 2020, per molti saranno sacrificati sull’altare della lotta alla pandemia da coronavirus.

L’appello della ministra Pisano

Il battage sul restare a casa, “safe”, va avanti ormai da tempo. La scorsa settimana la ministra per l’Innovazione Paola Pisano ha rivolto un appello in Tv alle compagnie telefoniche e digitali «affinché agevolino l'uso dei canali digitali di comunicazione e li rendano gratuiti. In questo modo sarà più semplice essere in collegamento con le persone care». E così «nel pieno rispetto della libera autonomia delle imprese, mi auguro risposte che contribuiscano a dare un segno incoraggiante per la coesione della nostra comunità nazionale e per la massima serenità possibile di una festività particolarmente importante per tradizione per noi italiani e per le persone che vivono nel nostro Paese».

Loading...

Il «sì» delle compagnie telefoniche

A stretto giro è arrivata la risposta di Tim, Vodafone e Wind Tre, che al loro interno gestiscono l’80% del parco abbonati mobile in Italia. La ministra che aveva fatto riferimento a “videochiamate” ha trovato risposta – e non poteva essere tecnicamente differente – nell’offerta di Giga gratuiti. Cosa che le compagnie telefoniche hanno previsto, ognuna per conto suo e in specifiche fasce orarie.

Tim

«Per dare l’opportunità a tutti di essere più vicini durante i giorni di Natale, Tim accoglie con favore la proposta lanciata dal Ministro per l'Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, Paola Pisano per cui renderà gratuito il traffico dati per tutti i suoi clienti a partire dalle ore 18 del 24 dicembre fino alle 24 del 25 dicembre». È quanto si legge in una nota del gruppo guidato da Luigi Gubitosi, che concederà quindi 30 ore di Giga illimitati ai suoi clienti. I clienti mobile di Tim valgono il 28,8% su un totale di 78,1 milioni di sim “human” (quelle utilizzate per comunicare e non l’Internet delle cose) in Italia. La percentuale vale per Tim la leadership in questo segmento di mercato.

Vodafone

«Siamo felici di aderire all'invito della ministra per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, Paola Pisano, rivolto agli operatori di telecomunicazioni. Vodafone – fanno sapere dall’azienda – offrirà traffico gratuito e illimitato ai propri clienti dalle ore 18 del 24 dicembre e per tutta la giornata del 25 dicembre. Questa iniziativa aiuterà diversi milioni di clienti che hanno dotazioni esigue di Giga e consentirà alle persone di restare in contatto tra loro in un momento difficile ed eccezionale». Anche per il gruppo guidato da Aldo Bisio si parla di 30 ore di Giga illimitati per i suoi clienti che rappresentano il 24,4% delle 78,1 milioni di schede sim “human” .

Wind Tre

Giga gratis anche per i clienti di Wind Tre. La compagnia telefonica guidata da Jeffrey Hedberg ha però deciso di offrire il proprio traffico dati gratis ai suoi utenti nelle 24 ore dalla mezzanotte del 24 Dicembre e per tutto il 25 Dicembre. Una giornata di dati gratis garantita dalla telco che si posiziona alle spalle di Tim per quota di mercato nella telefonia mobile “human” con il 26,8% delle 78,1 milioni di schede attive in Italia.

Modalità automatica

L’iniziativa sarà attivata in modo del tutto automatico dagli operatori. Dunque gli utenti non dovranno fare altro che sfruttare i Giga completamente gratuiti nelle giornate delle festività per realizzare videochiamate e per poter stare più vicini ai propri familiari che magari non potranno riunirsi fisicamente come fanno sempre.

L’utilizzo della rete fissa

Tutto questo sarà ovviamente vantaggioso per chi non è dotato di una rete a banda ultralarga a casa. In quel caso l’offerta fissa permette di poter già utilizzare dati senza che si arrivi a ulteriori pagamenti rispetto all’abbonamento mensile. In questo caso Agcom ha evidenziato in Italia l’esistenza, a giugno 2020, di 17,81 milioni di accessi in banda larga e ultralarga.

Molti Giga nelle offerte già sul mercato

Il «sì» delle tre principali compagnie telefoniche italiane che va a inserirsi in un quadro di offerte “flat” da parte degli operatori – o comunque con quantità di Giga che si aggirano sui 50 o 70 al mese – già molto nutrito. Senza contare le promozioni per Giga illimitati che sono state messe in campo in questi mesi. Questo, ad esempio, è uno dei motivi che ha frenato altri operatori dall’aderire (almeno fino a questo momento) all’invito della ministra Pisano.

Lo studio di Sostariffe.it

Secondo l’ultimo studio di Sostariffe.it, tra il 2019 e il mese di novembre 2020 per le offerte ricaricabili il canone mensile è sceso (-10,1%) passando da una media di 11,68 euro nel 2019 a 10,49 euro nel 2020. Ma al tempo stesso i pacchetti si sono arricchiti di minuti (che in media da 2.406 sono diventati 2.459 ogni mese, circa il 2,2% in più). E le compagnie puntano tutto sui Gigabyte inclusi, che sono il vero punto di forza delle promozioni. Se nel 2019 in media la dotazione di traffico dati era pari a 38,46 GB, quest'anno le offerte sono diventate sempre più generose in termini di traffico dati Internet, comprendendo oggi una media di 51,33 GB (+33,5%). Per i soli operatori tradizionali – escludendo quindi i cosiddetti Mvno – la media è stata di 66,78 Giga, pur a fronte di un canone mensile più alto (14,38 euro).

Lo sforzo richiesto alle telco

Va considerato però che per le compagnie telefoniche questo è stato un anno di grande sforzo per far fronte alle accresciute esigenze conseguenza della pandemia da coronavirus. E tutto questo mentre una scellerata guerra dei prezzi in chiave competitiva ha portato a dilapidare miliardi di euro di ricavi negli anni. Insomma non sarà indolore. Il “Focus Bilanci” pubblicato dall'Agcom, che ha analizzato il quinquennio 2015-2019 per le 30 principali società di telecomunicazione, lascia poco spazio a dubbi. Nel periodo considerato, le società di tlc hanno visto ridurre i ricavi del 5,8%, passando dai 31,2 miliardi di euro nel 2015 ai 29,4 miliardi di euro nel 2019. e lo stesso report segnala che, nel periodo 2009-2019, a fronte di oltre 375 miliardi di ricavi, sia stato messo agli atti un rosso aggregato di -335 milioni di euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti