ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEcommerce multibrand

Giglio.com, vendite a +41% nei nove mesi. A Palermo nuovo store e shooting lab

L’e-tailer cresce grazie ai mercati internazionali e a un’offerta di prodotti sempre più di lusso. E non smette di fare investimenti fisici sul territorio come il polo per i servizi fotografici da 5mila metri e la nuova boutique uomo-donna

di Marta Casadei

Il legame con Palermo rimane fondamentale anche gli occhi dell’audience internazionale

3' di lettura

L’internazionalizzazione, unita a un posizionamento sempre più alto, premia Giglio.com, società attiva nella vendita di prodotti di lusso multimarca che dallo scorso anno è quotata su Euronext Growth Milan.

Il retailer, che ha le proprie fondamenta nelle boutique di lusso aperte a Palermo da Michele Giglio, ha chiuso i primi nove mesi dell’anno con ricavi a 33,5 milioni di euro, in crescita del 39% sullo stesso periodo dell’anno scorso, e Gmv (il valore lordo delle vendite) pari a 37,5 milioni di euro, +41% sul periodo gennaio-settembre 2021.Due terzi del Gmv del terzo trimestre sono realizzati all’estero: «Non abbiamo subito l’impatto diretto della guerra, visto che Russia e Ucraina hanno una quota sotto l’1% delle vendite, e sebbene l’Est europa stia soffrendo e la Brexit si sia rivelata disastrosa, stiamo registrando performance particolarmente positive nei mercati extra europei che assorbono il 50% dei ricavi», spiega Giuseppe Giglio, presidente e amministratore delegato. Nel dettaglio, nel terzo trimestre si sono verificate crescite record in Medio Oriente (+83%), Nord America (+58%) e Asia-Pacifico (+41%) con la Cina arrivata +110 per cento.

Loading...

Dalle boutique di famiglia alla piattaforma

L’espansione internazionale che sta facendo da driver alle vendite di Giglio.com è frutto di un lavoro complesso ma anche di quello che Giuseppe Giglio definisce «un cambio di mindset: abbiamo fatto la scelta di non essere più una famiglia con dei negozi e un sito online, ma di prendere una strada precisa, quella della digitalizzazione». Un percorso che i Giglio - insieme a Giuseppe e al padre Michele in azienda lavora il fratello Federico Giglio con il ruolo di amministratore delegato - hanno voluto intraprendere da indipendenti: «Abbiamo la nostra piattaforma tecnologica e gestiamo tutto internamente. Questo ci permette non solo di seguire al meglio i nostri clienti ma di aggiornarci continuamente. Un esempio: per aprire un mercato dobbiamo avere un servizio customer care che lavori nella time zone corrispondente, ma anche un brand mix adatto, testi e funzionalità del sito in lingua».

Posizionamento sempre più alto (che piace ai clienti)

Giglio.com ha puntato su un posizionamento sempre più alto (nel Q3 il valore medio dei prodotti venduti è salito del 7 per cento sul 2021) e questa scelta è stata accolta con favore dai clienti internazionali: nel corso del terzo trimestre lo spending medio per cliente si è attestato sul +9% rispetto al periodo corrispondente del 2021. Molti dei brand sono made in Italy: «Siamo italiani, naturalmente portati verso l’alto di gamma, e vogliamo supportare i nostri prodotti nel mondo».

Gli investimenti fisici a Palermo (e non solo)

Se il digitale è il primo e principale strumento di espansione di Giglio.com, non mancano gli investimenti fisici, la maggior parte dei quali a Palermo: «Rimaniamo orgogliosamente made in Mediterraneo - dice Giglio - e aspiriamo a promuovere giovani talenti del territorio grazie agli accordi con le università». In concreto, per esempio, oggi viene inaugurata la nuova boutique uomo -donna in Piazza Francesco Crispi: 2mila metri quadri su due livelli con arredi prodotti da artigiani locali. Poi c’è il nuovo shooting lab: 5mila metri quadri in una ex area industriale in via di riqualificazione che si aggiungeranno all’headquarter già esistente e al polo logistico inaugurato un anno fa. E al centro per la preparazione e l’evasione degli ordini di Vimodrone, in provincia di Milano, aperto a marzo di quest’anno, «indispensabile per essere competitivi nelle tempistiche delle spedizioni».

La crescita, ma soprattutto la trasformazione dell’azienda in un player internazionale e appunto competitivo, è anche merito della quotazione: «Questo percorso ci ha dato ordine e la capacità di dotarci strumenti cognitivi e finanziari per far crescere l’azienda. Il bilancio è positivo».


Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti