anniversari

Gimmi Baldinini celebra 110 anni con un «museo itinerante»

di Giulia Crivelli

default onloading pic
Sneaker «alta», un modello della collezione 110 Edition per il prossimo autunno-inverno


2' di lettura

Tra i nomi più conosciuti del distretto romagnolo della calzatura di alta gamma c’è Baldinini, che quest’anno festeggia 11o anni di storia aziendale. Lo fa con eventi ad hoc, il lancio di una capsule (minicollezione, nel gergo della moda) battezzata 110 Edition, con la riedizione di pezzi cult e, last but not least, con uno speciale museo itinerante.

L’azienda nacque a San Mauro Pascoli nel 1910, è rimasta a guida famigliare ed è oggi presente in 150 Paesi con calzature da donna e da uomo, piccola pelletteria, borse e capi di abbigliamento (sempre in pelle). Il core business restano le scarpe e la 110 Edition è una linea da donna che completa la collezione principale per l’autunno-inverno 2020-2021 e che ripercorre l’archivio archivio del brand, motore pulsante e ispiratore di tutta l’attività del marchio, come ricorda sempre Gimmi Baldinini, attuale presidente dell’azienda. La capsule e fa tornare alla ribalta modelli come le décolleté, da sempre fil rouge della lunga storia del marchio, e il texano, lo stivale feticcio di un’intera generazione long seller di Baldinini dalla metà degli anni 80, proposto per l’occasione con inserti animalier e in nuovi materiali e colori. Le creazioni di 110 Edition, che diventano anche oggetti da collezione, arricchiranno il grande progetto Archivio, lanciato nel 2018 proprio come rivisitazione in chiave contemporanea delle calzature cult del brand.

L’anniversario di Baldinini coinvolgerà anche il museo aziendale che si trova nella sede di San Mauro Pascoli: grazie a un accordo con l’università di Bologna le calzature iconiche in archivio sono state catalogate e inserite in uno speciale percorso Il progetto diventerà un vero e proprio walking museum, come dicono gli americani, un museo itinerante, con vetrine dedicate in selezionati store Baldinini nel mondo, con l’augurio che, oltre al via libera in Cina, ci sia presto quello di altri Paesi a riaprire i negozi di moda e lusso.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti