ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEventi

Ginevra ospita i Watch Days, fiera diffusa dell’alta orologeria

Trentadue marchi hanno portato le loro novità in diversi luoghi della città, secondo una formula che conferma il suo successo. Babin (ceo Bulgari): «Partecipanti e visitatori superiori alle attese»

di Paco Guarnaccia

2' di lettura

Si è chiusa ieri la terza edizione dei Geneva Watch Days, che ha avuto come protagonisti 32 marchi orologieri, tra i quali Bulgari, Breitling, Ulysse Nardin, H.Moser & Cie., Frederique Constant, Oris, Greubel Forsey, HYT, Corum, Jacob & Co., De Bethune, Czapek e MB&F. A questi si è aggiunta, come nel 2021, la casa d’aste Phillips in Association with Bacs & Russo.

Confermato il format, con un padiglione comune sul lungo lago aperto al pubblico e le diverse location dei brand sparse nella città (lounge di hotel, showroom temporanei o boutique), pensate per presentare gli orologi a piccoli gruppi di invitati tra dealer e media, in presenza o via web. Tra i fondatori dell’evento spicca Bulgari, il cui ceo, Jean-Christophe Babin, spiega: «Per questa edizione pensavamo di limitarci a 25 brand (erano stati 17 nel 2020 e 24 nel 2021, ndr) ma siamo molti di più e stiamo già ricevendo richieste per il 2023».

Loading...
Orologi, le novità dai Geneva Watch Days

Orologi, le novità dai Geneva Watch Days

Photogallery17 foto

Visualizza

Anche per i visitatori. «Pur non avendo un obiettivo di redditività come succede nelle fiere tradizionali con ingresso a pagamento, i partecipanti sono stati superiori al 2021», aggiunge Babin. A differenza dei primi due Geneva Watch Days, quello di quest’anno si è svolto in un momento favorevole per il comparto orologiero svizzero. Secondo l’ultimo report mensile della Federazione dell’industria orologiera svizzera (FH), l’export di luglio è cresciuto dell’8,3% a 2,2 miliardi di franchi rispetto a luglio 2021, la cifra più alta raggiunta in un mese dopo quella da record dell’ottobre 2014. Nei primi sette mesi dell’anno, l’export è cresciuto dell’11,4% rispetto al periodo gennaio-luglio 2021.

Tra i modelli presentati da Bulgari a Ginevra l’Octo Finissimo Skeleton 8 Days con un inedito movimento manuale con riserva di carica di 8 giorni, l’Octo Finissimo Chronograph GMT in oro rosa e l’Octo Finissimo Automatic in due versioni (una in oro rosa e una in oro giallo) e le edizioni limitate Octo Finissimo edizione Sejima (360 esemplari in collaborazione con la famosa architetta giapponese Kazuyo Sejima) e l’Aluminium Sorayama edizione speciale (mille pezzi realizzati con la collaborazione dell’artista Hajime Sorayama).

Sempre a Ginevra, Frederique Constant ha introdotto due nuovi Classics Heart Beat Manufacture (93 pezzi in oro rosa, nella foto in alto a destra, e 930 in acciaio); Ulysse Nardin ha proposto l’avanguardistico scheletrato Blast Rainbow con tourbillon e 38 pietre preziose colorate a decorarne la lunetta (nella foto a fianco) e due Lady Diver Rainbow, mentre Oris ha lanciato il Divers Sixty-Five 12H Calibro 400, subacqueo dallo stile retro con un modernissimo calibro di manifattura. H. Moser & Cie. e Greubel Forsey hanno svelato lo Streamliner Tourbillon Vantablack in oro rosso e lo scenografico e GMT Balancier Convexe.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti