Emergency

Gino Strada, il concreto diritto alla salute

di Walter Castracane*

(ANSA)

1' di lettura

Gino,
con infinita fatica sto cercando di metabolizzare l’idea che non ci sei più. L’ultima volta che ci siamo sentiti ti avevo suggerito: riposati, anche per poco. La risposta era stata lapidaria: ci sarà il momento.Avevi ragione tu. Hai ragione tu. Ti ho seguito nel tuo progetto di Kartoum-Sudan, 14 anni fa, qualche mese dopo il suo avvio.

Un progetto soltanto apparentemente utopico: proporre il primo ospedale specialistico cardiochirurgico completamente gratuito per l’Africa. Ho condiviso così, ritornando a Kartoum anni dopo, una piccola parte del mio percorso professionale con te, con voi .

Loading...

Devo ringraziarti perché soltanto con Emergency ho capito sino in fondo il significato di questo lavoro, dare a chi non ha, spesso nemmeno per sopravvivere, le stesse chanche di sopravvivenza delle popolazioni occidentali. Prestazioni d’eccellenza offerte a giovani vite, il concreto diritto alla salute per cui ti sei sempre battuto.

Ti faccio una sola promessa, continuare a parlare di te, della mia esperienza con Emergency ai colleghi più giovani, agli specializzandi che guardano al loro futuro per invitarli a ritagliare una parte della loro formazione professionale con voi. Così il sogno continuerà a essere realtà. Ciao Gino ti sento vicino come un padre, un fratello, un amico.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti