Media

Giornalismo multimediale: dal 20 maggio via al master della 24Ore Business School

Appropriarsi dei nuovi linguaggi della multimedialità, acquisire nuove skill, usare lo storytelling per narrare politica, economia, territori e comunità

Il giornalismo del futuro e i long form

3' di lettura

Appropriarsi dei nuovi linguaggi della multimedialità. Coniugare giornalismo e innovazione. Acquisire nuove skill, usare gli strumenti dello storytelling per narrare la politica, l’economia, i territori e le comunità. Realizzare reportage digitali, podcast e video. Sono i punti salienti del programma del Master Giornalismo multimediale politico economico della 24Ore Business School.«Il giornalismo è sempre più multimediale - sottolineano Fabio Carducci e Nicoletta Cottone, giornalisti del Sole 24 Ore e coordinatori scientifici del Master - ed è ormai indispensabile saper utilizzare tutti i nuovi linguaggi per poter intraprendere la professione di giornalista che si declina su carta, web, radio e tv. Questo master ha l'obiettivo di far apprendere in modo pratico tutte le tecniche più avanzate e acquisire nuove fondamentali skill per fare informazione anche sui principali canali social, in agenzie, radio e televisione».

24Ore Business School – Master in Giornalismo multimediale politico economico

Visualizza

Dal 20 maggio lezioni in presenza e in streaming

La dodicesima edizione del master prenderà il via il 20 maggio con lezioni sia in presenza nella sede di Roma, sia in live streaming. Si punta a formare professionalità in grado di produrre contributi giornalistici di qualità . «In questi mesi l'impatto dirompente del Covid - ricordano Fabio Carducci e Nicoletta Cottone - ha messo a dura prova i sistemi sanitari, ha innescato un profondo disagio economico e sociale, ha costretto la politica a trovare nuovi percorsi: ponendo così anche il giornalismo di fronte alla sfida di innovarsi per raccontare questa crisi nella sua drammaticità, ma senza perdere di vista la luce in fondo al tunnel. Con rigore e creatività, affilando gli strumenti classici del mestiere - a partire dal senso della notizia e dalla capacità di interpretarla - e al tempo stesso sfruttando tutte le nuove tecnologie per offrire al pubblico una informazione multimediale in tempo reale».

Loading...

Laboratori didattici su carta e web

Il programma del master alterna contenuti teorici e pratici. Previsti una serie di laboratori didattici con applicazioni concrete dalla scrittura per la carta stampata e per il web allo storytelling giornalistico, passando per la creazione di podcast, montaggio video, long form e mobile journalism. Un laboratorio di public speaking propedeutico alla realizzazione di uno stand up ed esercizi di preparazione e conduzione di una trasmissione radiofonica e le lezioni di dizione completano la parte di workshop.

In cattedra professionisti dei media

Le lezioni saranno svolte da professionisti provenienti dal panorama dell'informazione politico economica, da comunicatori e dal mondo accademico italiano. Fabio Carducci cura il laboratorio di scrittura su carta, Nicoletta Cottone quelli web. Il lavoro d'agenzia sarà approfondito con Giampiero Gramaglia, Valentina Consiglio Forquet e il direttore della Dire Nico Perrone. Poi le firme Dino Pesole e Carlo Marroni, rispettivamente editorialista e vaticanista del Sole 24 Ore. In cattedra anche il direttore del Messaggero Massimo Martinelli, Fabio Martini della Stampa, il docente di diritto pubblico comparato all'Università di Perugia Francesco Clementi. E Giovanni Negri e Ugo Tramballi per la politica estera e il mestiere dell'inviato. Poi la gestione di una testata online con Gianni Del Vecchio, condirettore dell'Huffington Post.

Long form, mobile journalism e podcast

Nel programma anche laboratori di tecniche narrative per realizzare long form con Nicoletta Cottone e Donata Marrazzo. Spazio al mobile journalism con l'inviato della Rai Nico Piro e il presidente dei videomaker italiani Enrico Farro. Laboratori ad hoc per la rassegna stampa in video, video virali, video muti e videoanimazione. Francesco Bevivino introdurrà gli allievi all’uso della app di montaggio video Feelmatic, che sarà a disposizione degli studenti per la durata del master per montare rapidamente videonotizie. Con Pietro Raffa come muoversi sui social, con Gianluca Giansante il laboratorio di public speaking, per imparare a parlare in pubblico. C’è il laboratorio radiofonico con Vincenzo Miglietta di Radio 24. Una full immersion per la creazione di una trasmissione radiofonica con Paolo Restuccia, regista del Ruggito del Coniglio di Rai Radio2 e con Lucia Pappalardo, che dopo Radio24 fa ora la film-maker per Rai Uno. Poi i podcast con Francesca Milano, head of Chora Live di Chora Media, la nuova podcast company italiana fondata da Mario Calabresi. E poi l’analisi dei fatti attraverso i numeri, il drone journalism con Francesco Facchini. Con Valentina Corona come realizzare una grafica in movimento per arricchire un video, come produrre una breve sigla o sviluppare un'animazione per rendere più attraenti e incisivi i lavori.

Stage per gli under 30

È previsto uno stage per gli allievi under 30 presso redazioni, radio, televisioni, agenzie di stampa, agenzie di comunicazione, aziende multinazionali, relazioni istituzionali, istituzioni e partiti politici. Le iscrizioni sono ancora aperte per qualche giorno. Per informazioni: Francesca Pasimena Tel. (+39) 345.0961710. Mail: francesca.pasimena@24orebs.com


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti