ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùretribuzioni d’ingresso

Giovani, ecco la top 20 dei lavori con gli stipendi più alti in Italia

di Francesca Barbieri


Lavoro: disoccupazione ferma, ma per giovani sale al 33%

2' di lettura

Affiliate manager, growth hacker, ingegnere Javascript. Un tris d’assi nel quadro generale dove ai giovani alla prima esperienza lavorativa sono riconosciuti bassi stipendi d’ingresso. Si tratta di tre ruoli che secondo la rilevazione condotta da PageGroup - gruppo di recruiting specializzato in indagini retributive - garantiscono ai giovani un buon livello di retribuzione di partenza che, nel giro di 4/5 anni, ha buone probabilità di raddoppiare.

La ragione? «Sono profili relativamente giovani - risponde Francesca Caricchia, executive director di PageGroup -, spesso difficili da rintracciare e per i quali le aziende sono disponibili a offrire pacchetti retributivi interessanti».

L’affiliate manager si occupa a 360 gradi della gestione e del coordinamento interno degli affiliati (o publisher), nonché dei loro siti e/o database al fine di pianificare vari tipologie di campagne pubblicitarie che possono essere di: direct email marketing, video, display, Seo, Sem e native. Tra l’affiliate Manager e gli affiliati nasce un rapporto di tipo commerciale chiamato nel mondo digital “a performance”, basato esclusivamente sulla remunerazione dei risultati ottenuti e soprattutto sul Roi (ritorno degli investimenti). La retribuzione annua lorda per questa figura - secondo PageGroup - è di 28mila euro, dopo 4/5 anni arriva a 55mila.

Il growth hacker è, invece, un esperto dell’area digital, in grado di comprendere ed applicare le strategie di prezzo, capace di attivare una strategia di copywriting persuasivo, che conosce i vantaggi dell’outbound e dell’inbound marketing. Il growth hacker è anche un designer che sa comprendere le logiche di esperienza d’acquisto. Allo stesso tempo, però, è anche un analista di mercato che sa combinare i diversi canali, sa gestire campagne pubblicitarie e, infine, è anche un programmatore che sa applicare i principi di automazione e che conosce gli strumenti e le tecnologie. Il suo stipendio? Secondo Page Group si parte da 27mila euro l’anno per arrivare nel giro di 3-5 anni a 50-60mila.

Il Javascript engineer è un full stack developer che lavora sia per la programmazione back end che front end con il linguaggio Javascript: ha forti conoscenze di Node.Js, Angular (versioni 2 e successive) e/o React, nonché React Native per lo sviluppo Mobile. Al di là della programmazione, spesso si spinge su tematiche di grafica (HTML; Css) e di usabilità. Ha conoscenza di database non relazionali (MongoDB) e sistemi di versionamento (GIT!).La retribuzione annua lorda per questa figura - secondo PageGroup - è intorno ai 30mila euro, dopo 4/5 anni arriva a 60mila.

Ma non c’è solo il mondo digitale. Nella top 20 dei “mestieri” meglio retribuiti per i giovani spiccano anche figure che operano in altri universi: dalla finanza alla vendita al dettaglio, dall’assistenza sanitaria alle assicurazioni.

Si va dai controllori delle vendite per la finanza ai buyer per il retail, dagli informatori scientifici del farmaco ai product specialist.

LA TOP 20 DELLE PROFESSIONI MEGLIO PAGATE PER I GIOVANI Retribuzione iniziale annua lorda, in migliaia di euro

Le lauree più gettonate? «Economia, informatica e ingegneria - risponde Caricchia - sono i titoli di studio che danno migliori opportunità lavorative». La specializzazione «digital» neanche a dirlo offre una chance in più.




Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...