Verso la manovra

Giovani, primo lavoro ben pagato: cosa prevede la proposta Pd

L’obiettivo è ripensare gli stage, che si sono trasformati da strumento di formazione a unica via per trovare lavoro

di An.C.

Covid e lavoro, la fotografia dell'annuario Eurostat

2' di lettura

«Noi vogliamo fare una battaglia molto forte sui temi degli stage e dell’apprendistato. Lo stage è un pezzo del percorso formativo non il modo per iniziare a lavorare, dobbiamo riportarlo alla sua regola, e riformare l’apprendistato mettendo nuovi soldi per il primo lavoro che deve essere ben pagato, e deve essere più lungo e più stabile, non come funziona oggi». Così il segretario del Pd Enrico Letta rispondendo al segretario della Cgil Maurizio Landini sul precariato nel corso della trasmissione televisiva “Mezz’ora in più” su Rai tre. «È uno dei temi che vogliamo mettere in legge di bilancio, lo metto come bandiera alta forte», ha aggiunto Letta.

Apprendistato al posto degli stage

Ma qual è lo schema a cui stanno lavorando i Dem? L’obiettivo è combattere la precarietà. E il punto di partenza, come paraltro ha messo in evidenza il segretario del Pd, è ripensare gli stage, che si sono trasformati da strumento di formazione a unica via per trovare lavoro. L’abuso degli stage, è il ragionamento, condanna ragazze e ragazzi a lunghi periodi di precariato. Secondo il Pd, devono essere vietati, e sostituiti dall’apprendistato, uno strumento che al contrario offre tutele e accompagna verso un contratto a tempo indeterminato.

Loading...

Prima occasione per proporre la ricetta Dem: la manovra

Nel complesso, la proposta del Pd, che sarà sostenuta anche nel contesto della manovra che si andrà definendo nei prossimi giorni, prevede dei limiti per gli stage extra-curriculari (e quindi stop a stage non retribuiti in maniera dignitosa, stop a stage non inseriti in un percorso di formazione e stop a stage usati al posto di veri contratti di lavoro).

Apprendistato, nuova retribuzione minima crescente

Per quanto riguarda invece l’apprendistato, il Pd pensa all’introduzione di una nuova retribuzione minima crescente (in deroga al Ccnl di settore), con scatti precisi per gli aumenti. La proposta Dem prevede anche l’innalzamento e l’espansione degli obblighi di conversione dell’apprendistato in tempo indeterminato. Nel menù anche la decontribuzione totale per l’apprendistato che porta a una conversione a tempo indeterminato, l’introduzione di due ulteriori finestre per la chiusura del contratto e la creazione di una piattaforma per gestire tutte le pratiche e garantire trasparenza.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti