ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBenedetto XVI

Giovedì le esequie di Ratzinger, rito funebre come per i Papi (ma rivisto)

Accreditati oltre 600 giornalisti alle esequie presiedute da Francesco. Molte le personalità in arrivo dal mondo, mille agenti per la sicurezza. previste centomila persone

di Nicola Barone

L’omaggio dei fedeli a Ratzinger: 135mila persone in due giorni per l’ultimo saluto

3' di lettura

Oltre 70mila le persone che hanno reso omaggio al papa Emerito Benedetto XVI nella seconda giornata di camera ardente nella Basilica di San Pietro. Con quelli di lunedì, sono in totale 135 mila i pellegrini che in due giorni hanno deciso di omaggiare Joseph Ratzinger. Un dato decisamente superiore alle aspettative e che potrebbe portare al prolungamento dell’apertura della camera ardente, prima dei funerali di giovedì.

Celebrazione presieduta da Francesco

La celebrazione funebre per Benedetto XVI ricalcherà quelle tradizionali ma con alcuni elementi mancanti rispetto alle celebrazioni riservate ai pontefici e richiami al Papa regnante. Le esequie (sono accreditati oltre 600 giornalisti) saranno presiedute da Francesco che terrà l’omelia, celebrante il decano del collegio cardinalizio, Giovanni Battista Re. La preparazione del rito funebre che presenta elementi inediti data l’eccezionalità della situazione è stata frutto di un lavoro di squadra dei cerimonieri pontifici che con tutta probabilità hanno tenuto conto anche del pensiero di Francesco.

Loading...

Centomila persone previste

Secondo quanto prevederebbe l'ordinanza della Questura capitolina, che sarà firmata in serata, sono centomila le persone previste per i funerali di giovedì. Per accedere a piazza San Pietro, definita di massima sicurezza, sarà necessario sottoporsi ai controlli con 'rapiscan' e metal detector. Nelle zone limitrofe sarà invece disposto un pre-filtraggio. La no fly zone sarà ampliata oltre la piazza. E' disposta la presenza di elicotteri, tiratori scelti, reparti speciali interforze tra cui quelli dell'antiterrorismo, vigili del fuoco, 118 e polizia locale. Saranno oltre mille gli agenti impiegati. Inoltre nella zona sarà vietata la vendita e il trasporto contenitori in vetro fino alle 14.

Il Vangelo del buon ladrone

Alle esequie funebri verrà letto il Vangelo del buon ladrone, tra i testi più amati e letti nelle liturgie funebri perché offre consolazione a chi perde una persona cara e alla quale è stata legata da affetto. Nel dettaglio, i correttivi che sono stati fatti per la celebrazione funebre riguardano ad esempio, le suppliche finali della diocesi di Roma e delle Chiese Orientali che sono specifiche per il papa regnante.

Sepoltura nelle Grotte vaticane

La bara di cipresso dove riposano le spoglie di Benedetto XVI sarà chiusa con un rito particolare. All’interno verranno poste le medaglie coniate nel corso del pontificato di Benedetto XVI, i pallii (non è stato specificato il numero) che ripercorrono la storia di Ratzinger e il rogito in un cilindro di metallo, vale a dire il testo che descrive il pontificato del Papa in breve. Al termine dei funerali, Benedetto XVI verrà sepolto nelle Grotte vaticane, nella tomba dove era stato precedentemente Wojtyla prima di esser portato in basilica nel 2011 dopo la sua beatificazione. La tumulazione avverrà in forma privata e le immagini verranno diffuse in un secondo momento.

Chi arriverà dall’estero per le esequie

Nonostante le delegazioni ufficiali previste dal cerimoniale siano solo quella italiana e tedesca - guidate da Sergio Mattarella, Giorgia Meloni, Frank-Walter Steinmeier e Olaf Scholz - numerose altre saranno le personalità politiche attese, dai reali del Belgio ai presidenti di Polonia e Ungheria, Andrzej Duda e Katalin Novak. Numerosi anche i leader religiosi che renderanno omaggio al Papa emerito. Tra questi il Patriarca di Antiochia dei Siri, Ignazio Youssef III Younan, il metropolita della Chiesa russa Antonij di Volokolamsk e una delegazione del Patriarcato ortodosso di Costantinopoli.

Massima sicurezza, in campo mille agenti

Imponente l’apparato di sicurezza predisposto dalla prefettura di Roma durante la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. In campo mille agenti che intensificheranno le operazioni di filtraggio e controllo delle decine di migliaia di fedeli e turisti attesi. All’interno delle mura vaticane, si continuerà a lavorare regolarmente. Gli uffici della Santa Sede resteranno aperti, anche se i dipendenti della Curia romana e del Governatorato potranno comunque partecipare ai funerali in orario lavorativo «informando previamente i propri superiori», come si legge in una circolare dell’Ufficio coordinamento dicasteri.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti