L’EMENDAMENTO AL DDL ANTICORRUZIONE

Giustizia, blocco della prescrizione dopo il primo grado. Penalisti in agitazione

di Nicoletta Cottone


default onloading pic
Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede (Ansa)

4' di lettura

Presentato, tramite i relatori, in commissione Giustizia alla Camera un emendamento al ddl Anticorruzione «per bloccare la prescrizione dopo il primo grado di giudizio». Lo aveva annunciato ieri il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. La prescrizione, aveva spiegato ieri il Guardasigilli, « era nel Contratto di Governo, a fronte di maggiori investimenti nella giustizia per non caricare sempre di più gli uffici: ora, dopo aver messo nella manovra fondi sufficienti, possiamo mettere mano anche alla prescrizione. L'idea è quella di fermarla per tutti i reati dopo la prima sentenza». Il ministro ha anche detto che nel corso dell’iter parlamentare «si aprirà un confronto con tutte le forze politiche, ma è già un buon segnale quello del lavoro concertato, perchè poi quando si parla di giustizia pensiamo che i nostri riferimenti possano essere chessò i giudici o gli avvocati, ma in realtà i veri giudici della giustizia sono i cittadini».

La Lega prende tempo
Il capogruppo leghista alla Camera, Riccardo Molinari ha preso tempo: «L’emendamento è stato presentato dai relatori, non è concordato a livello di governo, non è passato dal Consiglio dei ministri e ci riserviamo di fare valutazioni».

Penalisti in stato di agitazione
La Giunta dell’Unione camere penali ha dichiarato lo stato di agitazione dei penalisti italiani contro l’emendamento voluti dal ministro: «presa visione del testo dell'emendamento presentato alla Camera dei Deputati da esponenti del M5S, rileva e denunzia l'inaudita gravità della riforma che con esso si intenderebbe introdurre nel nostro codice penale. In sostanza l'eventuale approvazione di tale abnorme emendamento, che nemmeno distingue tra sentenza assolutoria e sentenza di condanna, darebbe luogo, con la conclusione del giudizio di primo grado, ad una pendenza teoricamente infinita sia della sentenza di condanna, sia della impugnazione da parte del Pubblico Ministero della sentenza di assoluzione. Ciò in spregio manifesto dei principi del giusto processo e della sua ragionevole durata sanciti dall'art. 111 della Costituzione».

L’allarme dei penalisti scattato dopo il post del ministro su Facebook
L’allarme deipenalisti era scattato dopo il post su facebook di Bonafede. «Abbiamo dovuto apprendere da un post su Facebook la estemporanea decisione del ministro di Giustizia Bonafede di presentare questa mattina un emendamento al decreto che egli ama definire “spazzacorrotti”, tramite il quale inserire nel nostro ordinamento giuridico, tra il lusco e il brusco, la sospensione della prescrizione dei reati dopo la sentenza di primo grado», ha scritto in una nota il presidente dell'Unione Camere Penali Italiane, Gian Domenico Caiazza, annunciando «ferma contrarietà» alle «irresponsabili proposte di riforma».

I penalisti italiani, ha spiegato Caiazza, «seguono con allarmata attenzione l'esito di questa al momento solo preannunziata iniziativa del Guardasigilli, impegnandosi in queste ore ad acquisire informazioni per sapere: a) quale sia l'esatto tenore dell'emendamento, e quando lo stesso verrebbe effettivamente presentato; b) se si tratti di un emendamento del Governo, dunque concordato e condiviso da tutte le componenti della attuale maggioranza; c) quali siano i profili di ammissibilità di tale preannunziato emendamento, attesa la sua evidente incongruità e non pertinenza con il testo normativo di riferimento». L'effetto, secondo Caiazza, sarebbe «inesorabilmente» opposto a quanto si intende affermare, e cioè «un prolungamento sine die della durata già insopportabile del processo penale in Italia, con grave pregiudizio dei diritti degli imputati e delle stesse persone offese».

GUARDA IL VIDEO - Manovra, terreni gratis con il terzo figlio in arrivo

Bazoli (Pd): preoccupa emendamento Bonafede
«Sono preoccupato e sconcertato dal proposito annunciato dal ministro Bonafede di inserire nella legge anticorruzione un emendamento che introduce l'interruzione della prescrizione per tutti i processi penali dopo il primo grado di giudizio», ha commentato Alfredo Bazoli, capogruppo del Pd in Commissione Giustizia. «Preoccupato - spiega - perché si sconvolgerebbe in quel modo il sistema delle garanzie, con l'effetto di allungare senza fine i procedimenti, lasciando i cittadini in balia di processi eterni. Sconcertato perché il blitz, che avviene - sottolinea il deputato Dem - quando in commissione si è già esaurita l'istruttoria sulla legge anticorruzione, impedisce ogni approfondimento e discussione su un tema tanto delicato. È un vero e proprio oltraggio alle prerogative del Parlamento».

M5S: Salafia: indispensabile per certezza della pena
«Con lo stop alla prescrizione dopo il primo grado di giudizio avremo finalmente pene certe e giustizia concreta. La proposta del ministro Bonafede, insieme a quella sulle norme anti-corruzione, ha una portata davvero epocale. E' una delle battaglie storiche del Movimento, e siamo a un passo da un traguardo importantissimo per il Paese», ha sottolineato Angela Salafia, capogruppo M5S in Commissione giustizia della Camera. “Per i furbetti non c'è più speranza. I delinquenti non potranno più contare sulle lungaggini processuali per salvarsi. Senza prescrizione, chi sbaglia paga. Troppe volte abbiamo assistito allo scempio della giustizia, con imputati condannati in primo grado che l'hanno fatta franca solamente perché il tempo per giudicarli era ‘scaduto'. Con la nostra riforma i criminali non saranno mai più salvati dalla campanella». La proposta «di bloccare la prescrizione dopo la sentenza del primo grado di giudizio è una svolta», ha commentato il senatore del M5S Mario Giarrusso.

Zanettin (Fi): grave intervento
Il testo della nuova disciplina della prescrizione presentato in Commissione Giustizia costituisce un «gravissimo vulnus alla civiltà giuridica del nostro paese. Si prevede che il termine di prescrizione si sospenda con la pronuncia della sentenza di primo grado. Così anche l'imputato dichiarato innocente rimane appeso, senza limiti di tempo al processo penale, in spregio al principio costituzionale della ragionevole durata dei processi», ha affermato Pierantonio Zanettin, di Forza Italia , componente della commissione Giustizia della Camera. «Il governo a guida cinque stelle - accusa Zanettin - vuole trasformare l'Italia in uno stato di polizia di stampo sudamericano, dove non esistono più garanzie per i cittadini».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...