Agricoltura

Gli accordi con le multinazionali sostengono la filiera agricola del tabacco

Il tabacco in Italia è stato in passato sostenuto dagli aiuti Ue e conta 2.500 aziende in sole quattro regioni: Umbria, Toscana, Veneto e Campania

di Alessio Romeo

In Italia si coltiva un terzo del tabacco europeo

2' di lettura

L’ultimo investimento in ordine di tempo è stato quello confermato da British American Tobacco: 20 milioni – che portano a oltre 200 il totale negli ultimi dieci anni, a cui si aggiungono i 500 di Philip Morris nel 2019-23 – per l’acquisto di tabacco prodotto e lavorato in Italia.

Le multinazionali stanno salvando una filiera leader in Europa (l’Italia da sola produce il 30% del totale Ue e il 5% di quello mondiale) ma rimasta orfana proprio degli incentivi europei. Fino a qualche anno fa questa coltivazione era in assoluto la più sussidiata dalla vecchia Politica agricola comune, con gli importi ad ettaro più elevati.

Loading...

Un pagamento di cui beneficiava tutto l’indotto, in quanto legato ai conferimenti all’industria di prima trasformazione. Ma che ha pagato dazio su due fronti: quello della lotta al fumo, che ha finito per scoraggiare indirettamente una produzione importante sotto il profilo agronomico e della sostenibilità, e lo smantellamento progressivo degli aiuti europei legati alle singole coltivazioni, con la Pac sempre più orientata al livellamento dei premi per superficie.

Oggi il tabacco in Italia interessa poco meno di 2.500 aziende, concentrate in quattro regioni – Umbria, Toscana, Veneto e Campania – dove la coltivazione rappresenta ancora una parte importante dell’economia locale, e anche dell’eccellenza tecnologica dell’agricoltura: basti pensare che le aziende tabacchicole sono quelle con il parco macchine più moderno, nell’ambito della generale emergenza svecchiamento dei trattori nei campi italiani, oggetto di intervento anche del Recovery Plan targato Draghi. Queste aziende danno lavoro a 50mila addetti, delle quali oltre la metà sono donne, in zone spesso difficili e senza alternative produttive e occupazionali.

Negli ultimi dieci anni il settore ha perso oltre il 20% dei volumi, ridotti a circa 60mila tonnellate annue, mentre continua il ridimensionamento del mercato finale, quello delle sigarette, ha tagliato significativamente le quantità richieste dalle manifatture. La filiera, costretta a dimagrire per sopravvivere, si è profondamente ristrutturata: le associazioni di produttori sono passate da oltre 20 a nove (delle quali tre concentrano oltre il 90% della produzione), è aumentata sensibilmente la capacità di trasformazione del tabacco dei singoli impianti anche attraverso la digitalizzazione dei distretti produttivi.

Roberta Palazzetti, presidente e ad di Bat Italia

«In collaborazione con tutti gli attori della filiera – afferma Roberta Palazzetti, presidente e ad di Bat Italia – avvieremo quest’anno un progetto pilota che, grazie a strumenti di monitoraggio satellitare e sistemi di intelligenza artificiale, contribuirà a ridurre l’impatto ambientale delle colture, in termini di impiego di risorse idriche e uso di prodotti fitosanitari».

Il sottosegretario alle Politiche agricole con delega al settore, Gian Marco Centinaio, in occasione dell’investimento annunciato da Bat Italia ha confermato la volontà di aprire un tavolo di settore con il ministero dell’Economia, «per poter dare delle risposte non solo dal punto di vista agricolo, ma arrivare a delle soluzioni anche dal punto di vista fiscale», come chiesto dalle aziende del settore.

Da tutelare ci sono infatti le esigenze della salute e quelle della produzione agricola, ma anche la stabilità del gettito fiscale, che per le casse dello Stato vale 14 miliardi di euro annui.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti