aste italiane

Gli appuntamenti e i risultati degli incanti in Italia in epoca Covid-19

Nel mese di maggio le case d'aste hanno mostrato una vivacità operativa nonostante le difficoltà a causa del lockdown

di Maria Adelaide Marchesoni

default onloading pic
Wannenes. Lampada da soffitto in metallo dipinto, perspex e ottone di Ettore Sottsass realizzata per Arredoluce nel 1957 (lotto 274) protagonista del catalogo Design aggiudicata per 37.600 euro (stima 20-30.000 euro)

Nel mese di maggio le case d'aste hanno mostrato una vivacità operativa nonostante le difficoltà a causa del lockdown


6' di lettura

L'emergenza sanitaria per il Covid-19 ha spostato il calendario delle aste e il mese di maggio, da sempre ricco di appuntamenti col martello, è stato ridimensionato con un numero di aste inferiore rispetto al passato e in modalità online. Numerose aste saranno, infatti, effettuate durante giugno e luglio. Le case d'aste che hanno organizzato le vendite anche a maggio hanno registrato risultati soddisfacenti con buone percentuali di venduto.
Due gli appuntamenti di Finarte a maggio di cui uno ad Hong Kong un'asta di vini e distillati in collaborazione con Gelardini & Romani Wine Auctions dove sono stati battuti 752 lotti con il 94% di venduto per un ammontare di 550mila euro. A fine maggio poi si è svolta online a Roma l'appuntamento con l'Arte Moderna e Contemporanea che ha superato 930mila euro di venduto con oltre il 70% di lotti aggiudicati. Tra i top lot che hanno segnato prezzi superiori alle stime pre asta il lotto 53, «Flowers», un disegno degli anni ’60 di Cy Twombly che da una base d'asta di 7.000 euro ha superato 62.000 euro così come il lotto 170 un arazzo di Alighiero Boetti del 1980, «Talvolta sole talvolta luna» che da una stima iniziale di 18.000 euro ha raddoppiato il suo valore a 36.200 euro. Un'altra star dell'incanto un bozzetto del 1910 di Giacomo Balla del trittico «Affetti» conservato alla Galleria d'Arte Moderna di Roma, venduto per 99mila euro. Nel mese di giugno, dal 22 al 25, la casa d'aste offrirà all'incanto 944 lotti tra gioielli, orologi, argenti e monete.

Nessuna asta a maggio per Aste Bolaffi ma nei mesi precedenti erano state battute le aste di Numismatica, Francobolli, Gioielli, Orologi, Vini con una percentuale di venduto del 91%. Top lot lot nell'asta gioielli (un pendente in oro giallo, cristallo di rocca e gemme disegnato da Suzanne Belperron), venduto a 57.500 euro diritti inclusi. <Il lockdown – afferma Filippo Bolaffi - ha permesso di “convertire” molti utenti tradizionalisti alla modalità online che in futuro avrà ancora più adepti del passato, ma il nostro obiettivo, non riguarderà tanto la possibilità di fare offerte online, quanto sostituire con l'online tutta la parte che precede un'asta, ossia la visione fisica dei lotti, ad oggi ancora imprescindibile>. Nel mese di giugno si sono già svolte le aste di vini e distillati (9/6), manifesti pubblicitari (11/6) e sono in programma automobili (18/6) e libri rari e autografi (23/6).

Due le aste di Wannenes “Design” e “Stile Italiano” (21-22 maggio) che hanno realizzato complessivamente 986.248 euro, con una percentuale di venduto per lotto del 70,7% e per valore del 217,7%. L'asta di “Design” ha raggiunto 766.275 euro con una percentuale di venduto per lotto del 77,8% e per valore del 216,1%, mentre il catalogo “Stile Italiano” ha totalizzato 219.973 euro di totale con una percentuale di venduto per lotto del 63,3% e per valore del 223,1%. Asta internazionale per vocazione ha visto una partecipazione estera dell'80,1% e italiana del 19,8%. Stati Uniti protagonisti tra 22 nazioni partecipanti con aggiudicazioni per il 27,1%, seguita dalla Gran Bretagna con il 16,3%, la Germania con il 7,2%, Svizzera con il 6,4%, Paesi Bassi con il 5,9% e la Francia con il 5,5%. Tra i top lot una lampada da soffitto in metallo dipinto, perspex e ottone di Ettore Sottsass realizzata per Arredoluce nel 1957 (lotto 274) protagonista del catalogo Design è stata aggiudicata per 37.600 euro (stima 20-30.000 euro), seguita da un divano modulare mod. Camaleonda di produzione C&B del 1971, firmato da Mario Bellini (lotto 384) battuto per 16.350 euro (stima 6.500-8.500 euro). Per Guido Wannenes l'emergenza sanitaria ha accelerato un processo già in atto e in questo contesto operativo sarà premiante la qualità della proposta degli operatori. Giugno e luglio saranno mesi impegnativi per la casa d'asta che ha in programma nove aste tra cui un catalogo di Old Master & 19th Century Paintings il 25 giugno prossimo.

Pandolfini Casa d'Aste ha battuto dal 24 aprile al 2 maggio l'asta SMART WINE, la prima vendita online del dipartimento Wine&Spirits con risultati che hanno mostrato segnali più che incoraggianti. Nei primi mesi dell'anno, quindi in epoca no-Covid, gli incanti della casa d'aste sono stati quattro, di cui tre online. Per il futuro il calendario presenta a partire dal 16 giugno Mobili e Arredi e proseguirà fino a fine luglio con l'Arte Orientale (22 luglio) e Libri, Argenti e Numismatica (23 luglio).

Sotheby's. Asta Contemporary Art (4-16 giugno). Alighiero Boetti. Aerei. Stima 300-400.000 euro

Una sola asta per Martiniarte inizialmente prevista per marzo l'Arte Moderna e Contemporanea spostata al 26 maggio in modalità online e al telefono. Con 165 lotti la percentuale di venduto è stata pari all'86% e il 60% delle opere sono state aggiudicate a clienti stranieri. Tra le offerte un'opera del 1979 di Alighiero Boetti, «Segno e disegno» che ha suscitato grande interesse: con una base d'asta di 50.000 euro ed è stata aggiudicata a 162.500 euro (diritti d'asta inclusi). Interessanti anche i risultati degli artisti, Gunther Uecker, lotto 102, «Poesy of destruction», 1984 aggiudicato per 70.000 euro (stima 70-80.000 euro), Heinz Mack, «Flugelrelief», 1989 venduto per 45.000 euro (stima 40-50.000 euro).
In un periodo antecedente al lockdown, Faraone Casa d'Aste ha lanciato un programma di aste a tempo online ogni due settimane che ha consentito di continuare l'attività pur con le difficoltà di raccolta dei lotti per l'impossibilità di spostamenti, sia a livello nazionale che internazionale.
In totale, nel periodo suddetto sono state portate a termine cinque aste a tempo online (una a marzo, tre ad aprile di cui una benefica per la raccolta fondi destinati alla comunità di Sant'Egidio e una a maggio) con un tasso di venduto in media del 52% e in calo al 40% per l'unica asta di maggio in coincidenza con i primi segnali di allentamento delle misure di sicurezza. A fine giugno e a luglio Faraone Casa d'aste proporrà un'asta di gioielli e a seguire gli orologi con circa 100 pezzi in offerta, mentre abitualmente l'appuntamento di maggio superava i 300 lotti. Dal lato gioielli, tra i lotti compaiono un anello con rubino birmano no heat del peso di 3,80 ct (25.000 / 30.000 euro), due anelli con smeraldi colombiani rispettivamente del peso di 6,60 ct (18.000/22.000 euro) e 6,61ct (15.000/18.000 euro); due diamanti sfusi uno dai circa 7,70 ct (25.000/28.000 euro) il secondo di 4,02 ct ( 12.000/16.000 euro). Mentre per gli orologi l'offerta prevede un Rolex Daytona acciaio e oro Ref. 116523 anno 2001, con ancora pellicola e sigillo oltre che scatola e garanzia (10.000/15.000 euro).
Due le aste online per Art-Rite nel mese di maggio, una di Gioielli e Orologi e una di Arte Moderna e Contemporanea e con le stesse modalità si è svolta l'11 giugno 2020 l'asta “U-3 Under 3k euros“, con un catalogo costituito da opere di valore di artisti storicizzati e contemporanei con base d'asta inferiore ai 3 mila €.
Tra i risultati dell'asta di Arte Moderna e Contemporanea del 7 maggio va segnalato una Polaroid di Peter Beard che ha raddoppiato la stima massima di 6mila euro ed è stata aggiudicata a 12.325 euro, un olio su tela di Salvo aggiudicato per 38.190 € a fronte di una stima di 22-28mila euro e, infine, un'opera storica di Giacomo Balla, aggiudicata a 64.610 euro. A luglio si terrà l'asta di contemporaneo con un catalogo con artisti del calibro di Maurizio Cattelan, Pietro Roccasalva, Andres Serrano, Nan Goldin, Gregory Crewdson per citarne alcuni.

Artrite. Salvo. Pianura, 2006. Olio su tela. Da Art-Rite aggiudicato per 38.190 € a fronte di una stima di 22 - 28 mila €

Con un calendario che si concentrerà nei mesi di giugno e luglio Il Ponte ha battuto il 9 e 10 giugno l'asta di Arredi e Dipinti Antichi, nelle sale di Palazzo Crivelli. La vendita che si è svolta con il pubblico in sala si è conclusa con un controvalore pari a 1.252.000 con il 72% di lotti venduti, il 152% di rivalutazione dei prezzi base e il 53% di aggiudicazioni online.Tra le aggiudicazioni più significative: l'olio su tela di Domenico Piola (97.500 €), la ribalta lombarda del secolo XVIII (27.500 €), il pannello in legno intagliato del secolo XVII (37.500 €), il violino di Riccardo Genovese del 1927 (18.750 €) e il ritratto virile di Cesare Procaccini (15.000 €).

Cambi durante il lockdown ha continuato a proporre le vendite in programma e a marzo ha battuto l'asta dedicata al Design italiano ed internazionale del XX secolo, Design200 che ha registrato il 75% di lotti venduti e il 140% per valore. L'Asta ha segnato un incremento del 48% di fatturato rispetto allo stesso appuntamento dell'anno scorso. Top lot un Divano da camera con struttura in legno e rivestimento in skai di Osvaldo Borsani che da una stima di 2-4.000 € è stato venduto a 31.000 €. In seguito è stata battuta un'asta dedicata ai Vini Pregiati e da Collezione, uno dei dipartimenti più nuovi della casa d'asta. A fine aprile ha proposto online una vendita dedicata ai vini, collectible entrato recente nella proposta di Cambi, nella quale sono stati battuti circa 500 lotti (82% tasso di venduto e 114% di valore) per un ammontare di 35.500 euro.
Infine le due big Christie's e Sotheby's , la casa d'aste di Pinault ha proseguito l'attività a livello internazionale e ha rinviato l'asta Thinking Italian Milan prevista ad aprile a novembre, mentre quella di Patrick Drahi ha in corso (dal 4 al 16 giugno) l'asta di Arte Contemporanea.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti