Fisco e contabilita

Gli esempi


default onloading pic

2' di lettura

IL RAPPORTO INSTAURATO A METÀ ANNO
Il caso
Un professionista è dipendente dal 1° luglio 2019 e ha percepito nell’anno un reddito di 28mila euro. Può entrare nel regime forfaittario nell’anno 2020?
La soluzione

Sì, in quanto non è stato superato il limite di 30mila euro per i redditi da lavoro dipendente. Non deve essere effettuato il ragguaglio ad anno. Se nel 2020 il limite viene superato, dal 1° gennaio 2021 non si può più applicare il forfait.

L’ASSEGNO DI SEPARAZIONE
Il caso
Nell’anno 2019 una professionista ha percepito un reddito di lavoro dipendente di 25mila euro e un assegno di 6mila dall’ ex coniuge essendo intervenuta la separazione. L’assegno è rilevante per il superamento del limite di 30mila euro?
La soluzione
L’assegno incassato a seguito della separazione si considera reddito assimilato al lavoro dipendente. Il reddito complessivo ammonta a 31mila euro. Quindi non è possibile entrare nel forfait nel 2020.

I DUE CONTRATTI
Il caso
Un dipendente ha interrotto il rapporto di lavoro il 1° agosto 2019, ma è stato assunto da un’altra società il 1° dicembre dello stesso anno con rapporto in corso al 31 dicembre. Il reddito complessivo da dipendente ammonta a 32mila euro.
La soluzione
Non è possibile entrare nel forfait in quanto il lavoratore, dopo aver interrotto il precedente rapporto, ne ha iniziato uno nuovo nell’anno che ha comportato il superamento della soglia di 30mila euro.

I COMPENSI DA SINDACO
Il caso
Nell’anno 2019 un soggetto ha percepito redditi di lavoro dipendente per 28mila euro e un reddito come sindaco di una società pari a 3mila euro. Nell’anno 2020 intende aprire la partita Iva come dottore commercialista. Può entrare nel forfait?
La soluzione
Nel 2020 i compensi per l’attività di sindaco vengono “attratti” nell’attività svolta con partita Iva. In pratica è come se il rapporto che origina i redditi assimilati venga a cessare al termine del 2019. La soluzione sembra possa essere positiva in quanto in futuro, a partire dal 2020, il reddito da dipendente, pari a 28mila euro, sarà sotto la soglia.

LA RENDITA VITALIZIA
Il caso
Il titolare di una rendita vitalizia nell’anno 2019 ha superato il limite di 30mila euro. Nel 2020 intende avviare una libera attività. Può fruire del regime forfettario?
La soluzione

La rendita vitalizia costituisce ai sensi dell’articolo 50 del Tuir un reddito assimilato al lavoro dipendente. Avendo superato il limite di 30mila euro, l’accesso al forfait è precluso.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...