Scontrini elettronici: le regole per i piccoli esercenti in 10 casi

9/11corrispettivi elettronici

Gli esercenti: carrozzieri, meccanici e riparatori

(© Riccardo Sala)

Per la categoria dei “riparatori”, ad esempio carrozzieri, meccanici, ma anche chi aggiusta elettrodomestici, con prestazioni a domicilio, non esiste una soluzione valida che possa essere applicabile per tutti. Al meccanico o al carrozziere, in possesso di una certa struttura potrebbe convenire dotarsi anche del registratore di cassa telematico, specialmente se ha una clientela composta principalmente da privati e quindi è già avvezzo alla e-fattura.

Discorso diverso vale per chi ripara elettrodomestici a domicilio e di frequente riscuote il corrispettivo all'atto della prestazione. Tali soggetti, magari attraverso l'ausilio di smartphone o tablet, potrebbero invece trovare opportuno il ricorso al documento commerciale online con procedura web messa a disposizione dalle Entrate. La stessa procedura consente di memorizzare e inviare all'Agenzia i dati dei corrispettivi di ogni operazione effettuata, consentendo anche di gestire i casi di corrispettivo non riscosso, reso merce e annullo. In alternativa, anche qui una valida soluzione potrebbe essere la fattura elettronica semplificata.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti