«Pinocchio», «lecca piedi», «buffone»: ecco quando l’offesa diventa diffamazione

10/12OLTRE IL DIRITTO DI CRITICA

Gli insulti nei commenti su Facebook

default onloading pic

La frase «se mettesse da parte un po' della sua boria farebbe senz'altro una più bella figura», l'ambiguo utilizzo dei termini «collione», «buffone» e «professore, si fa per dire» scritti nei commenti a un post su Facebook esulano dal diritto di critica e trasmodano nell'invettiva personale. Per il Tribunale di Roma (sentenza 16263 del 9 agosto 2019), sono quindi frasi diffamatorie che danno luogo al risarcimento del danno subito dalla vittima.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti