Da Alessandro Michele a Pietro Beccari: italiani ai vertici (creativi e non) della moda internazionale

12/13Industria e Finanza

Gli italiani ai vertici delle aziende di moda straniere/Antonio Belloni

È il direttore generale delegato del gruppo Lvmh, il più grande gruppo del lusso al mondo con ricavi per 42,6 miliardi di euro (+13% sul 2016) e 134 mila dipendenti in tutto il mondo. È entrato nel gruppo di monsieur Arnault – di cui è considerato il braccio destro - nel 2001 come direttore generale e responsabile per la gestione strategica e operativa delle aziende del Gruppo. È membro del consiglio di amministrazione di Lvmh e presidente del comitato esecutivo. Sessantaquattro anni, ha alle spalle una carriera internazionale: laureatosi in economia a Pavia, ha cominciato a lavorare per la Procter & Gamble alla fine degli anni Settanta e ha ricoperto svariati ruoli in tutto il mondo, fino ad essere nominato presidente di Procter & Gamble per l'Europa nel 1999.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti