Prodotti

Gli smartphone più venduti del 2019? Dominano iPhone e Samsung Galaxy

Effetto Coronavirus: mercato in calo del 2,3% nel 2020

di Gianni Rusconi

default onloading pic

Effetto Coronavirus: mercato in calo del 2,3% nel 2020


3' di lettura

Il tema di stretta attualità, anche in campo mobile, è ovviamente un altro, fra annunci di prodotto ritardati o scivolati via in tono minore e in generale poca voglia da parte dei vendor (salvo alcune eccezioni) di vivacizzare il mercato. Un mercato che sta facendo i conti con l'effetto del virus Covid-19 (ne parliamo nel capitoletto seguente) e che a conti fatti, guardando ai numeri di consuntivo del 2019, riporta in auge l'infinita sfida fra Apple e Samsung. Secondo un nuovo studio della società di ricerca Counterpoint Research, infatti, le famiglie di smartphone della casa californiana e di quella coreana, iPhone da una parte e Galaxy dall'altra, sono state le più vendute del 2019.
Apple, nel dettaglio, occupa ben sei posizioni nella top 10 della classifica e l'iPhone XR risulta il modello più venduto in assoluto degli ultimi dodici mesi, con una quota del 3% su scala globale. Alle sue spalle, con il 2% del venduto totale, l'ultimo nato fra gli apparecchi entry-level della Mela, l'iPhone 11, arrivato sul mercato il 20 settembre scorso. In terza e quarta posizione troviamo i primi modelli di Samsung, e precisamente il Galaxy A50 e il Galaxy A10.
Nella top ten non c'è Huawei
Scorrendo la lista dei dieci modelli più apprezzati dagli utenti in tutto il mondo balza immediatamente all'occhio come l'unico smartphone non targato Apple o Samsung sia l'Oppo A5, piazzatosi al quinto posto grazie agli ottimi risultati di vendita ottenuti in Cina, dove si è guadagnato la palma di prodotto “best seller” del 2019. E Huawei? Il colosso di Shenzen è stabilmente nel gotha degli smartphone e nel computo dell'intero anno a volumi ha superato anche la rivale californiana sul secondo gradino del podio ma è evidente come gli effetti del “ban” dell'amministrazione Trump si siano fatti indubbiamente sentire. E anche in Cina, dove i suoi prodotti sono più popolari, il top di gamma P30 Huawei non va oltre il quinto posto.
Tornando al duello fra Apple e Samsung, la prima ha la propria roccaforte nel mercato nordamericano e basta questo per guardare tutti dall'alto in basso per ciò che concerne la “hit parade” dei modelli più venduti. I Galaxy, per contro, sono i telefonini prediletti dai consumatori in quasi tutte le altre regioni del mondo. La battaglia, ora, Coronavirus permettendo, si sposta sul fronte del 5G: chi, si chiedono gli analisti, saprà capitalizzare meglio la nuova “rivoluzione” mobile e mettersi in una posizione di vantaggio rispetto alla concorrenza?

GLI SMARTPHONE PIÙ VENDUTI NEL 2019

In % le vendite dei modelli nel 2019 sul totale . (Fonte: Counterpoint Research)

Loading...

Mercato in flessione nel 2020, ma si riprenderà
Una contrazione della domanda a fine anno del 2,3% rispetto al 2019: questa la proiezione degli esperti di Idc circa l'impatto dell'epidemia Coronavirus sulle vendite di smartphone previste per quest'anno. Il calo, questa la sintesi del rapporto diffuso nei giorni scorsi, sarà come prevedibile più marcato nei primi due trimestri (toccando punte di oltre il 14% su scala globale e del 40% in Cina) ma nel bilancio dei dodici mesi il risultato finale non sarà così drammatico. Nel complesso saranno spediti poco più di 1,3 miliardi di smartphone, per l'appunto il 2,3% in meno dell'anno precedente, e questa è sicuramente una buona notizia per alcuni vendor in particolare, produttori cinesi in primis ma anche Samsung e Lg, alle prese con casi di dipendenti risultati positivi al contagio. Il settore, questo è quasi certo, chiuderà in ogni caso l'anno in rosso, sconfessando le stime che parlavano di una crescita modesta pubblicate prima dello scoppio dell'epidemia di Coronavirus, e dovrebbe tornare a marciare in terreno positivo dal 2021, con un incremento di venduto del 6% trainato dalla diffusone del 5G.
Le criticità maggiori nella supply chain
Le “incertezze” maggiori per gli operatori del mercato smartphone riguardano la produzione e la logistica, e questo perché le catene di approvvigionamento dei componenti e le spedizioni di prodotto finito viaggiano più lente (o sono addirittura bloccate) a causa della chiusura per quarantena obbligatoria di alcune fabbriche nelle ultime settimane. “La Cina – ha sottolineato Sangeetika Srivastava, analista di IDc – è il principale mercato per gli smartphone e risentirà del maggiore impatto”. La sensazione degli esperti è che la crisi acuta sarà concentrata fino all'inizio dell'estate mentre dovremmo assistere a un ritorno alle normali attività a partire dal terzo trimestre del 2020, quando anche la situazione complessiva legata al virus Covid-19 dovrebbe essere migliorata. Si spera.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti