ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIntrattenimento

Gli studios cinematografici di James Bond e Harry Potter sono titoli spazzatura

I Pinewood Studios di Londra, schiacciati dai debiti, finiscono nel mirino delle agenzie di rating: per S&P il debito è «junk bond» e non esclude una possibile bocciatura

di Simone Filippetti

Harry Potter, 20 anni fa la prima magia al cinema

2' di lettura

Fuori dalla stazione ferroviaria di Watford, hinterland settentrionale di Londra, ci sono sempre degli autobus a due piani parcheggiati: sfoggiano immagini di Harry Potter. Sono le navette che portano i turisti a fare il giro sul set dell’immaginaria Hogwarts. Pochi chilometri più a nord ci sono i Pinewood Studios, dove sono stati girati tutti i film del mago più famoso del mondo. E di recente anche l’ultimo capitolo di James Bond, il successo planetario “007: No Time to Die”.

Ma nemmeno il personaggio creato dalla penna di J. K. Rowling e l'agente segreto di Sua Maestà bastano per salvare la Cinecittà di Londra dallo spettro del default. I famosi studi cinematografici sono dei titoli spazzatura.

Loading...

L'agenzia di rating S&P, il cerbero mondiale dei debiti, ha fatto cadere la sua scure sugli studios: giudizio BB-, sotto la soglia dell'investment grade, il gradino che separa l'investimento sicuro da quello a rischio. Ma soprattutto previsioni pessimistiche e un’ulteriore bocciatura in vista. La colpa non è del Covid, che anzi ha aumentato la domanda di serie tv e film, ma di troppo debito ed eccessive ambizioni.

Ciak, si spende

Nella Cinecittà di Londra c'è il cartello lavori in corso: è stato varato un grande progetto di espansione, con più set e capannoni per girare. Il costo è monstre: 700 milioni di sterline (di cui circa 560 milioni già approvati), da spendere nei prossimi due anni e mezzo o tre anni. Gli studios, che pure hanno cassa per 250 milioni di sterline, finanzieranno il grosso degli investimenti a debito, con i 300 milioni di sterline proposti per i senior note garantite.
Sulla scia di maggior debiti e sulle incertezze della catena logistica globale (che a cascata si scaricano sulle materie prime, di cui gli studios fanno largo utilizzo), gli analisti prevedono un peggioramento dei ratio creditizi nei prossimi 12-24 mesi. C’è uno spread temporale tra l'emissione del bond (che impatta subito in bilancio) e la maggiore redditività che l'espansione porterà sul Mol (il parametro che viene utilizzato per calcolare la leva finanziaria). Già oggi il debito rettificato dei Pinewood è oltre 12 volte il margine operativo lordo, un multiplo di alto stress finanziario al limite dell'insopportabile.

I due jolly Netflix e Disney

Dopo il nuovo bond da 300 milioni, il debito che andrà a gravare sulle spalle degli studi cinematografici salirà addirittura a 15-17 il prossimo anno. Troppo anche per la Cinecittà inglese. Negli anni successivi Il debito dovrebbe diminuire a un più sopportabile 10-11 volte. Ma comunque troppo alto e questo basta per mettere in allarme il mercato: gli studios hanno una storia di affidabilità di costi e tempi dei loro piani.

Ma nemmeno la casa di James Bond e Harry Potter può nulla contro lo scossone globale post-Covid che ha fatto impennare i costi grezzi di ogni attività e sta rallentando ogni investimento.

Il rischio di fallimento per i Pinewood Studios è ancora remoto perché mancano almeno 4 gradini (notch) per la C, che è la vera anticamera del dissesto, ma il barometro dell’azienda britannica vira verso il maltempo. Il grosso dei flussi di cassa degli studios poggia su due clienti monstre: Disney e Netflix. Basterà per evitare lo spauracchio del default?

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti