proposta per ora accantonata

Gli Usa valutano il blocco dei visti agli studenti cinesi. «Rischio spionaggio»


default onloading pic
(© BEIJING BEAUTY VIEW P)

2' di lettura

I falchi della Casa Bianca all’inizio di quest'anno avrebbero incoraggiato il presidente Donald Trump a smettere di fornire visti agli studenti cinesi, ma la proposta sarebbe stata accantonata per le preoccupazioni sul suo impatto economico e diplomatico. Lo scrive Financial Times in un suo articolo in esclusiva.

Mentre l’amministrazione discuteva su come affrontare lo spionaggio cinese, Stephen Miller, un assistente della Casa Bianca che sarebbe stato fondamentale nello sviluppo delle politiche di immigrazione dell’amministrazione, avrebbe spinto il presidente e altri funzionari a rendere impossibile ai cittadini cinesi studiare negli Stati Uniti, secondo quanto riporta il quotidiano finanziario britannico.

Il dibattito sugli studenti cinesi si è intensificato dopo che la Casa Bianca a dicembre ha pubblicato la sua strategia di sicurezza nazionale, nella quale viene esplicitato che avrebbe riconsiderato le procedure di visto per ridurre furti di proprietà intellettuale e preso in considerazione restrizioni sugli studenti stranieri nei campi legati alla scienza.

Dopo che la sua idea ha suscitato un intenso dibattito, la questione si sarebbe risolta in un incontro all’ufficio ovale in primavera con altre personalità, tra cui l’ambasciatore americano in Cina Terry Branstad e altri funzionari dell’ambasciata. Branstad avrebbe convinto il presidente Trump che la proposta di Miller sarebbe stata troppo draconiana.

Mentre Trump ha scelto di non adottare un approccio radicale, alcuni funzionari, tra cui Peter Navarro, consulente commerciale della Casa Bianca, continuano a spingere per una posizione più dura. La Cina è stata la principale fonte di studenti internazionali per gli Stati Uniti nell'anno accademico 2016-17, secondo l’Institute of International Education. Più di 350.000 studentii cinesi si sono iscritti nei college e nelle università americane in quel periodo, rispetto ai 186.000 dall'India.C’è comunque grande preoccupazione in tutto il governo degli Stati Uniti sulla crescente minaccia di spionaggio da parte della Cina, inclusi studenti e ricercatori cinesi nelle università statunitensi, allarme ribadito anche dall’Fbi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...