ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCinema

Golden Globe, trionfo per «The Fabelmans» e «Gli spiriti dell’isola»

I vincitori dei prestigiosi riconoscimenti: miglior regista Steven Spielberg e miglior sceneggiatura a Martin McDonagh

di Stefano Biolchini e Andrea Chimento

Spielberg e Michelle Williams portano "The Fabelmans" a Hollywood

3' di lettura

L'antipasto degli Oscar è servito: l'edizione numero 80 dei Golden Globe, i premi attribuiti da una giuria di giornalisti rappresentanti della stampa estera di Hollywood, potrebbe dare grosse indicazioni anche sui principali favoriti nella corsa ai trofei più ambiti.
Rispetto ai riconoscimenti dati dall'Academy, i Golden Globe dividono le loro categorie principali tra film drammatici da un lato e musical e commedie dall'altro: come miglior film del primo gruppo ha vinto lo strepitoso “The Fabelmans” di Steven Spielberg, lungometraggio che parla della vita del suo autore ma anche del grande potere della Settima Arte. Spielberg ha ottenuto anche un altrettanto meritato riconoscimento come miglior regista, superando la concorrenza di James Cameron (“Avatar – La via dell'acqua”), Daniel Kwan e Daniel Scheinert (“Everything Everywhere All at Once”), Baz Luhrmann (“Elvis”) e Martin McDonagh (“Gli spiriti dell'isola”).
Quest'ultimo però si è rifatto con il premio per la miglior sceneggiatura e, ancor di più, con quello per il miglior film commedia o musical, andato al suo potentissimo “Gli spiriti dell'isola”, storia di un'amicizia tra due uomini che si spezza improvvisamente a causa della decisione di uno dei due di interrompere i rapporti con l'altro.

Ai Golden Globe il trionfo di “The Fabelmans” e “Gli spiriti dell'isola”

Ai Golden Globe il trionfo di “The Fabelmans” e “Gli spiriti dell'isola”

Photogallery7 foto

Visualizza

Gli attori

Nella categoria dedicata ai film drammatici, il miglior attore protagonista è Austin Butler per aver interpretato Elvis Presley nel biopic “Elvis” di Baz Luhrmann, mentre la miglior attrice protagonista è Cate Blanchett, semplicemente straordinaria in “Tár” di Todd Field. La miglior attrice protagonista all'interno del gruppo musical/commedia è invece Michelle Yeoh per “Everything Everywhere All at Once”, mentre il miglior attore protagonista della categoria è Colin Farrell per “Gli spiriti dell'isola”. I migliori non protagonisti (qui non c’è distinzione tra i vari generi) sono Ke Huy Quan per “Everything Everywhere All at Once” e Angela Bassett per “Black Panther: Wakanda Forever”.

Loading...

Gli altri premi cinematografici

Il Golden Globe per il miglior film d'animazione è andato a “Pinocchio” di Guillermo del Toro che punta a fare il bis ai prossimi premi Oscar, così come spera di fare lo stesso percorso “Argentina 1985” di Santiago Mitre come miglior lungometraggio internazionale. La statuetta per la miglior colonna sonora al film “Babylon”, mentre la miglior canzone originale è “Naatu Naatu” del film indiano “RRR”.

La televisione

Trionfo di “House of the Dragon” come miglior serie drammatica: prequel de “Il Trono di Spade”, “House of the Dragon” è riuscito a superare l'agguerrita concorrenza di “Better Call Saul” e “Severance”. Kevin Costner (“Yellowstone”) è stato premiato come miglior attore in una serie drammatica, mentre Zendaya (“Euphoria”) ha alzato la statuetta come miglior attrice della categoria.Nel gruppo delle commedie/musical vittoria per “Abbott Elementary”, serie trainata dalla grande prova dell'attrice Quinta Brunson che ha ottenuto il Golden Globe nella sua categoria. Il miglior attore in una commedia è invece Jeremy Allen White per la sorprendente “The Bear”.Il titolo di miglior attrice non protagonista per una serie tv (qui non c'è differenza tra dramma e commedia) è andato a Julia Garner per “Ozark”, mentre quello per il miglior attore non protagonista a Tyler James Williams sempre per “Abbott Elementary”. La miglior miniserie è “The White Lotus”, franchise che continua a ricevere premi importanti e che ha ottenuto anche la statuetta per la miglior attrice non protagonista della categoria (Jennifer Coolidge). Sempre nel gruppo delle miniserie il miglior attore è Evan Peters per “Monster: The Jeffrey Dahmer Story” e la miglior attrice Amanda Seyfried per “The Dropout”, mentre il miglior interprete maschile non protagonista è Paul Walter Hauser per “Black Bird”.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti