La sfida Usa-EUropa del 2022

Golf, dalla Ryder Cup benefici economici per mezzo miliardo

Il 13 ottobre 2019 si è concluso il 76° Open d’Italia, il più importante torneo tricolore: si archivia così un’altra tappa della «Road to Rome», il percorso di avvicinamento alla sfida Usa-Europa prevista nella capitale italiana dal 30 settembre al 2 ottobre 2022

di Marco Bellinazzo, Fabio Grattagliano

Bernd Wiesberger (Ansa)

4' di lettura

Con la giornata finale dell’ Open d’Italia di golf ,vinta dall’austriaco Bernd Wiesberger, si archivia un’ulteriore e importante tappa della «Road to Rome 2022», il percorso di avvicinamento del golf italiano alla Ryder Cup 2022 , attraverso il quale la Federazione italiana golf ( Fig ) e l’official advisor Infront intendono dimostrare come il golf sia oggi uno sport accessibile a tutti e un’opportunità unica di valorizzazione del territorio in chiave turistica.

La manifestazione chiusa il 13 ottobre 2019 a Roma sul percorso dell’ Olgiata Golf Club è il quinto torneo stagionale delle Rolex Series dell’European Tour con un montepremi di 7 milioni di dollari (che resterà tale ogni anno fino al 2027) in grado di portare nella Capitale i migliori rappresentanti di questo sport: 10 campioni major, 96 vincitori di almeno un evento sul massimo circuito continentale, 28 tra i primi 100 classificati nel ranking mondiale, 6 past winner. E 26 giocatori che hanno disputato la Ryder Cup, compresi 6 che hanno contribuito al trionfo europeo di Parigi 2018 , tra cui il campione italiano Francesco Molinari, Justin Rose, Ian Poulter, Tyrrell Hatton, Paul Casey e Alex Noren. Oltre a Thomas Bjorn, capitano vincente del Team Europe, e Padraig Harrington che lo guiderà nel 2020 nel Wisconsin.

Loading...

Il percorso
La Road to Rome nel 2017 ha attraversato la Valle dei Templi, il Monte Bianco, Monza, i circoli del Lazio, e Firenze, dove a Piazzale Michelangelo tantissimi studenti si sono cimentati con bastoni e palline. Nel 2018 invece gli eventi hanno interessato il lungolago di Desenzano del Garda alla vigilia del 75° Open d’Italia al Gardagolf , i circoli del Veneto e con “Golf in Piazza” le città di Salerno, Trieste e Napoli, con dei tee shot da Castel dell’Ovo e postazioni di prova sul Lungomare Caracciolo. È stata poi la volta di Milano il 18 novembre 2018 con un putting green posizionato all’interno del 39° piano del Palazzo della Regione Lombardia e dell’evento ospitato dal Marco Simone Golf & Country Club con un Open Day che ha offerto l’opportunità di scoprire la magia del circolo che ospiterà la Ryder Cup 2022. Quest’anno la Road to Rome 2022 si è aperta con il raduno delle Squadre Nazionali allo stesso Marco Simone e con il Ryder Cup Trophy Tour a Parma (più di 4mila presenze). La Fig ha inoltre lanciato gli Open Days nei circoli di golf con lezioni gratuite a tutti i neofiti di questo sport.

L’impatto economico
Queste iniziative corredano una strategia che servirà a creare le condizioni affinché la Ryder 2022 possa generare un ritorno economico adeguato alle edizioni precedenti disputate in Europa. L’edizione del 2018 di Parigi ha generato, per esempio, 235,7 milioni di euro stando ai dati di un rapporto stilato dal centro di ricerca sull’industria sportiva della Sheffield Hallam University, mentre nell’edizione 2014 organizzata in Scozia l’impatto era stato di 119 milioni di euro.

Per l’edizione italiana Kpmg Advisory ha invece elaborato una stima degli impatti diretti ed indiretti derivanti dalla Ryder Cup 2022 e degli eventi connessi nel periodo 2016-2027. Si parla di 513,4 milioni di euro complessivi. Più in dettaglio, 277,4 milioni derivano dagli impatti diretti legati all’incremento della domanda interna conseguente agli investimenti necessari per l’adeguamento delle infrastrutture, ai consumi dei soggetti coinvolti e alle spese di gestione dell’evento Ryder Cup e di tutte le manifestazioni collegate che si svolgeranno per 12 anni a partire dal 2016. Inoltre, 236 milioni circa dipendono da fattori “ indiretti”, di cui 126 milioni collegati all’incremento della domanda interna, circa 83,9 per l’incremento del gettito fiscale, 26 milioni per nuove entrate fiscali direttamente trattenute a titolo di imposta sui montepremi dei tornei e un rilevante incremento occupazionale.

Lavori in corso
La Ryder in Italia si svolgerà dal 30 settembre al 2 ottobre 2022, preceduta dai 3 giorni di avvicinamento ai match e sarà la prima edizione in Italia dopo quelle in Inghilterra, Scozia, Spagna, Irlanda, Galles e Francia. La gara si svolgerà presso il Marco Simone Golf & Country Club, circolo alle porte di Roma, oggetto di un ampio rinnovamento in vista del grande appuntamento del 2022. «I lavori procedono nel migliore dei modi - si legge nel comunicato della Federazione italiana golf - e un’ulteriore fase si apre proprio questa settimana e interesserà le restanti 9 buche, che verranno ultimate entro maggio 2020 per permettere la semina durante l'estate. Parallelamente la Club house e il campo pratica saranno completamente rinnovate per permettere al Marco Simone Golf & Country Club di ospitare il 78° Open d’Italia nell’autunno 2021».

Intanto in settimana Padraig Harrington, capitano del Team Europe alla Ryder Cup 2020 e presente all’Olgiata, ha voluto augurare un personale “in bocca al lupo” alla Federazione italiana golf, guidata da Franco Chimenti, per l’organizzazione della sfida tra le squadre di Stati Uniti ed Europa. All’interno del villaggio commerciale, presso lo stand che ospita il trofeo ufficiale della Ryder Cup, il campione irlandese accompagnato da K eith Pelley, Chief executive dell’European Tour, e da Guy Kinnings, Director Ryder Cup Europe, ha incontrato anche Gian Paolo Montali, direttore generale del Progetto Ryder Cup 2022.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti