CRISI D’IMPRESA

Goodbye cheesecake, chiude California Bakery

La sentenza di fallimento prima di Natale. L’insegna è attiva con otto punti vendita tutti in Lombardia e da lavoro a 150 persone

di Enrico Netti


default onloading pic

1' di lettura

È arrivata prima di Natale la sentenza di fallimento di California Bakery srl, catena made in Italy di dolci a stelle e strisce con circa 150 dipendenti occupati in una decina di punti vendita tutti situati in Lombardia: sette a Milano e uno a Bergamo. Un piccolo angolo di specialità americane creato da Marco D’Arrigo e la moglie Caroline circa 25 anni fa a Milano: nelle caffetterie-pasticcerie la specialità sono le colazioni, i brunch e the accompagnati dalle dolci specialità Usa. Non manca una attività legata al banqueting & events e un cooking lab. Il posizionamento è nella fascia medio alta del mercato.

Raggiunto telefonicamente D’Arrigo spiega che «la società fallita è una vecchia società e che nessun punto vendita chiuderà». La sentenza riguarda la California Bakery srl a socio unico mentre ora il sito riporta la ragione sociale C.B. Italy srl a cui fanno capo tutte le attività e risorse umane del gruppo. Quest’ultima società ha chiesto di accedere al concordato preventivo “in bianco” per cercare la via del rilancio dopo un processo di ristrutturazione. I creditori della fallita California Bakery srl possono insinuarsi nel passivo entro il 6 aprile 2020.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...