privacy

Google e la cronologia: così si cancella quella di YouTube e Maps

Le ultime novità arrivano proprio da Google, che ha introdotto diverse nuove funzioni allo scopo di migliorare l'esperienza dei suoi utenti che vogliono gestire la loro privacy online.

di Biagio Simonetta


YouTube ha violato privacy bimbi, Google paga 170 mln

3' di lettura

La privacy tema sempre più centrale per le big company. Negli ultimi mesi, e soprattutto dopo lo scandalo Cambridge Analytica, aziende come Facebook e Google hanno fatto passi importanti in fatto di sviluppi di nuovi strumenti che consentano agli utenti di gestire al meglio i loro dati online. Le ultime novità arrivano proprio da Google, che ha introdotto diverse nuove funzioni allo scopo di migliorare l'esperienza dei suoi utenti che vogliono gestire la loro privacy online. Fra queste un nuovo strumento per verificare la sicurezza delle proprie password e un'opzione che consente di scegliere può scegliere di cancellare automaticamente la propria attività su YouTube.

Del resto, la cancellazione automatica della cronologia nei vari servizi è ormai una prassi per Big G, che negli ultimi mesi ha applicato tale filtro a un po' tutti i suoi servizi: dalla Ricerca a Maps, fino a Google Play. In tutti questi casi, dalle impostazioni è possibile scegliere di cancellare automaticamente i vecchi dati di ricerca con una frequenza a scelta.
L'utente, di fatto può scegliere dopo quanto tempo le sue ricerche (che siano mete su maps o semplici ricerche sul motore) debbano essere eliminate dallo storico. Chiaramente, utilizzando la cancellazione automatica della cronologia, Google non sarà più in grado di profilare i servizi. Cosa significa? Significa ad esempio che se diciamo a Google Maps di cancellare la nostra cronologia di navigazione, perderà tutti i dati sui posti dove siamo stati. E se sono tappe che percorriamo frequentemente, non avremo più il beneficio di trovarle nelle ricerche più frequenti ma saremo costretti a digitarle nuovamente.

Chiaramente Maps è solo un esempio. Perché se ci spostiamo su YouTube, ad esempio, cancellare la cronologia vuol dire impedire al servizio di memorizzare le nostre preferenze musicali magari. Chi, invece, spesso utilizza YouTube per i bambini, in qualche modo sarà sollevato dall'idea di poter ritrovare una home pulita dalla valanga di cartoni animati rimasti in memoria.

Come cancellare la cronologia
Come detto, Google offre agli utenti un'ampia scelta: possiamo scegliere se eliminare i dati manualmente, oppure in maniera automatica in lasso di tempo di 3 o 18 mesi. Per eseguire quest'ultima procedura, andiamo nella pagina del nostro account Google dedicata alle impostazioni sulla privacy, e da lì selezioniamo: Attività web e app > Gestisci Attività > Scegli di eliminare automaticamente. Nella schermata successiva possiamo così scegliere il periodo di tempo dopo il quale si vuole che i propri dati vengano cancellati.
Per fare la stessa operazione su YouTube, la procedura è molto simle. Qui le azioni da fare sono le seguenti: clicchiamo su Cronologia YouTube > Gestisci attività > Scegli di eliminare automaticamente.

App in incognito
Ma c'è di più. Per chi volesse utilizzare le app senza dover poi ricorrere a cancellare la cronologia (o impostare la cancellazione automatica), Google ha introdotto anche l'utilizzo di alcune piattaforme in modalità incognita. Per esempio Google Maps (ma solo per chi ha un device Android, per il momento). In questo caso, dallo smartphone, basterà fare un tap sulla destra sull'icona del priprio account e da lì selezionale la voce “Attiva la modalità di navigazione in incognito”. Da quel momento, Google Maps non registrerà più i nostri spostamenti. Ma non saprà neanche suggerirci la prossima, probabile, meta.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...