NAVIGAZIONE GPS

Google Maps, arrivano i limiti di velocità e la segnalazione degli autovelox

di Biagio Simonetta

2' di lettura

Per gli utilizzatori di Google Maps l'esclamazione più comune sarà: finalmente! Già, perché Google si è decisa a introdurre una funzione molto attesa nell'app delle mappe, ovvero la segnalazione dei limiti di velocità. Non certo un dettaglio, per chi utilizza l'applicazione in modalità navigazione mentre è alla guida.

Da tempo Google Maps è fra le app di navigazione più utilizzate al mondo. Una crescita esponenziale, dovuta alla sua presenza sugli smartphone di mezzo mondo (è preinstallata su tutti gli smartphone Android, ma anche la maggioranza degli utenti Apple la preferisce a Mappe di iOS). Una crescita che ha messo a dura prova il mercato delle mappe digitali. Ciononostante, a differenza dei competitor più verticali (come Here, le mappe di Nokia acquistate da Audi, BMW e Mercedes un paio d'anni fa), Big G è stata alla larga dei limiti di velocità, non implementando la funzione nella sua App. Adesso, il momento sembra arrivato.

Loading...

Diversi utenti americani hanno segnalato la presenza di una nuova area sul display di Maps dedicata allo “speed limit”. L'aggiornamento si sta diffondendo a macchia d'olio, e non è escluso che possa arrivare anche in Italia nei prossimi giorni, anche se mancano comunicazioni ufficiali in merito. In sostanza, un nuovo riquadro con la segnalazione del limite di velocità vigente sulla strada che si sta percorrendo viene visualizzato nella parte inferiore sinistra del display, con tanto di cartello stradale e segnale acustico in caso di superamento.

Ma non è tutto. A quanto pare, infatti, sempre su Google Maps arriverà presto la funzione di segnalazione autovelox, altro caposaldo delle mappe di navigazione tanto care agli automobilisti.

Entrambe le funzioni, va ricordato, sono presenti su Waze, app di proprietà della stessa Google. E se vi state chiedendo come mai l'implementazione su Maps stia arrivando con tanto ritardo, la risposta è molto semplice. Su Waze, che è un'App molto orientata al mondo social, i dati sui limiti di velocità e quelli sulla segnalazione degli autovelox sono implementati grazie ai dati forniti dagli automobilisti. È una piattaforma del tutto basata sulle esperienze collettive, insomma. Google Maps, invece, ha una veste molto più formale. E Google ha deciso di introdurre le nuove funzioni solo dopo averle raccolte in modo ufficiale.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti