ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùUsa

Google pagherà 118 milioni $ per risolvere una causa per discriminazione di genere

La società tech ha scelto la via della transazione nel procedimento aperto nel 2017 da alcune ex dipendenti che si ritenevano demansionate

Google, non solo smartphone: nella linea Pixel anche smartwatch e tablet

1' di lettura

Alphabet Google ha accettato di pagare 118 milioni di dollari per risolvere una causa collettiva per discriminazione di genere. La causa era stata intentata nel 2017 da alcune ex dipendenti donne per il presunto inserimento in mansioni di livello inferiore rispetto a maschi ugualmente qualificati, con conseguente retribuzione più bassa. Hanno inoltre accusato l’azienda di aver negato loro promozioni o passaggi ad altri team per un migliore avanzamento di carriera. In un comunicato, gli studi legali che hanno rappresentato le querelanti Kelly Ellis, Holly Pease, Kelli Wisuri e Heidi Lamar hanno dichiarato che l’accordo riguarda circa 15.500 dipendenti donne con 236 mansioni che hanno lavorato presso Google in California dal 14 settembre 2013.

Nell’ambito dell’accordo, un esperto terzo indipendente analizzerà le pratiche di livellamento al momento dell’assunzione da parte di Google e un economista del lavoro indipendente esaminerà gli studi sull’equità retributiva dell’azienda. Il lavoro successivo all’accordo sarà supervisionato da un osservatore esterno nei prossimi tre anni.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti