CONSIGLIO DEI MINISTRI

Governo Draghi, delega Servizi a Gabrielli. Nominati 39 sottosegretari: 11 al M5S, 9 alla Lega, 6 a Pd e FI

L’ordine del giorno della riunione del governo, convocata in un primo momento per decidere i funerali di Stato per l’ambasciatore Attanasio e il carabiniere Iacovacci, uccisi in Congo, è stato alla fine integrato

default onloading pic
Bandiera a mezz’asta a Palazzo Chigi dopo l’uccisione dell’Ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci in Congo (foto Ansa)

2' di lettura

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera alla lista dei sottosegretari del governo Draghi. Sono 39. C’è anche da considerare Roberto Garofoli, già nominato sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Sarà successivamente designato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport. Alla fine i sottosegretari del nuovo esecutivo saranno dunque 41. Dei 39, undici vanno ai Cinque Stelle, nove alla Lega, sei al Pd, sei a Forza Italia, 2 a Iv, uno a Leu, uno a Noi con l'Italia, uno a +Europa, uno a Centro democratico. Al capo della Polizia Franco Gabrielli la delega ai Servizi segreti.

La trattativa è andata avanti fino all’ultimo. Il Consiglio dei ministri, iniziato poco dopo le 18, è stato sospeso un quarto d’ora prima delle 20, quindi è ripreso una ventina di minuti dopo le otto. Alla fine la maggioranza ha trovato la quadra sui nomi. Il nodo della nomina del forzista Giorgio Mulé all'Editoria, avversata da Pd e M5S, è stato sciolto indicando l'esponente azzurro al dicastero della Difesa.

Loading...

Quello su Mulè non è stato l’unico braccio di ferro. A far salire la tensione, tanto da portare alla sospensione del Cdm, l'indicazione della Lega dell'ex ministro Gianmarco Centinaio al Mipaf, nome sgradito al neo ministro Stefano Patuanelli. Altro nodo la Difesa. Il ministro Lorenzo Guerini avrebbe sottolineato la necessità di disporre non di uno ma di due sottosegretari, indispensabili per il funzionamento della macchina del ministero della Difesa. Da qui, la decisione di sospendere la riunione, che è poi ripresa. Infine, il via libera del Consiglio dei ministri alla lista.

Ecco di seguito la lista dei sottosegretari del governo Draghi.

Presidenza del Consiglio

Deborah Bergamini, Simona Malpezzi (rapporti con il Parlamento); Dalila Nesci (Sud e coesione territoriale); Assuntela Messina (innovazione tecnologica e transizione digitale); Vincenzo Amendola (affari europei); Giuseppe Moles (informazione ed editoria); Bruno Tabacci (coordinamento della politica economica); Franco Gabrielli (sicurezza della Repubblica).

Esteri e cooperazione internazionale

Marina Sereni viceministro; Manlio Di Stefano; Benedetto Della Vedova

Interno

Nicola Molteni; Ivan Scalfarotto; Carlo Sibilia

Giustizia

Anna Macina; Francesco Paolo Sisto

Difesa

Giorgio Mulè; Stefania Pucciarelli

Economia

Laura Castelli - viceministro; Claudio Durigon; Maria Cecilia Guerra; Alessandra Sartore

Sviluppo economico

Gilberto Pichetto Fratin viceministro; Alessandra Todde viceministro; Anna Ascani

Politiche agricole alimentari e forestali

Francesco Battistoni; Gian Marco Centinaio

Transizione ecologica

Ilaria Fontana; Vannia Gava

Infrastrutture e trasporti

Teresa Bellanova viceministro; Alessandro Morelli viceministro; Giancarlo Cancelleri

Lavoro e politiche sociali

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti