ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLazio

«Governo in tempi rapidi per proseguire la riforma di Roma capitale»

di Andrea Marini

Unindustria Lazio. Il presidente Angelo Camilli

2' di lettura

Portare avanti l’attuazione del Pnrr e i suoi progetti nel Lazio. Continuare l’impegno per portare a Roma l’Expo del 2030. Riprendere il percorso per trasferire poteri e risorse a Roma Capitale. Le imprese del Lazio chiedono che dopo le elezioni il nuovo governo si insedi il prima possibile, per affrontare tutte quelle partite lasciate in sospeso e da cui dipende lo sviluppo futuro di Roma e del Lazio. Anche perché il caro energia inizia a colpire, e le aziende in difficoltà iniziano a pervadere i settori del commercio, dell’artigianato, della ristorazione, fino alla metalmeccanica, l’elettronica e l’agroalimentare.

«Non possiamo permetterci tempi morti, a causa del caro energia», spiega Angelo Camilli, presidente di Unindustria. «Il senso di responsabilità – aggiunge – richiede che il nuovo governo si insedi in tempi rapidi». Anche perché per Roma e il Lazio sono di vitali importanza le tematiche lasciate in sospeso dopo la crisi del governo Draghi. «Per il nostro territorio – sottolinea il presidente di Unindustria – è fondamentale riprendere la riforma di Roma capitale. Ci auguriamo che nella prossima legislatura questo filo venga ripreso con convinzione da tutte le forze politiche. Roma – aggiunge – per il peso che ha all’interno dell’Italia ha necessità di una legislazione speciale. Come imprese siamo disposti a dare un contributo per stabilire quali poteri, funzioni e compentenze è più opportuno devolvere alla capitale. L’importante è che il percorso sia chiaro e puntuale, per evitare che nella fase di attuazione ci siano delle zone grigie, con sovrapposizioni di competenze che rischierebbero di creare solo confusione».

Loading...

Ma Camilli puntualizza: «Non siamo innamorati delle formule. Si possono devolvere poteri non solo con leggi costituzionali, ma anche con leggi ordinarie o con una riforma dello statuto del Comune. L’importante è capire quali funzioni vengono trasferite».

C’è poi il tema delle risorse che stanno arrivando nel Lazio e a Roma, dal Pnrr e non solo: nel complesso parliamo di 16,6 miliardi, di cui 7,4 sono Pnrr-Piano nazionale complementare, 4,4 della nuova programmazione Ue (raddoppiati rispetti alla programmazione del ciclo precedente), 2,5 del Fondo sviluppo e coesione. «Per Roma si sta aprendo un decennio importante – sottolinea Camilli – ma bisogna spendere queste risorse in maniera corretta. Siamo preoccupati per i possibili rallentamenti». All’interno di questo decennio che potrebbe cambiare il volto di Roma ci sono i grandi eventi: si parte con la Ryder Cup 2023, la più prestigiosa competizione internazionale di golf, poi ci sarà il Giubileo 2025 e il bimillenario della crocifissione di Gesù nel 2033. Nel mezzo potrebbe esserci l’Expo 2030, per cui Roma ha lanciato la sua candidatura: «L’Expo di Roma non è un fatto locale, ma un evento che avrà ricadute positive per tutto il Paese. Per questo contiamo che il nuovo governo prosegua nel supportare la candidatura di Roma», conclude Camilli.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti