Lavoro

Gran Bretagna, una donna per la prima volta a capo del sindacato Unite

Sharon Graham, su posizioni di estrema sinistra, guidare il secondo sindacato per dimensioni in Gran Bretagna, con 1,2 milioni di iscritti

di Nicol Degli Innocenti

2' di lettura

Londra - Vittoria a sorpresa per Sharon Graham, che oggi è stata eletta segretario generale di Unite, diventando la prima donna a guidare il secondo sindacato per dimensioni in Gran Bretagna, che ha 1,2 milioni di iscritti. La Graham, nota per le sue posizioni di estrema sinistra, ha conquistato il 37,7% dei voti battendo il favorito, Steve Turner, che era stato candidato dal leader uscente di Unite, Len McCluskey.

«I membri di Unite si sono espressi a favore del cambiamento -, ha detto la Graham dopo la sua elezione -. La loro richiesta è che Unite torni in campo e continui a combattere senza tregua per posti di lavoro e buoni salari e condizioni di lavoro. Io prometto di combattere le ingiustizie che i nostri membri devono subìre ogni giorno».

Loading...

La Graham, che lavora da decenni per il sindacato ed è stata candidata dal Socialist Workers' Party, ha posizioni a sinistra del partito laburista. Nonostante questo, il leader dell'opposizione, Keir Starmer, si è congratulato con la prima donna segretario generale di Unite e ha detto di essere contento «di lavorare con lei per migliorare la vita dei lavoratori in tutto il Paese». I contributi finanziari di Unite sono fondamentali per il partito.

Ancora più contento l'ex leader laburista Jeremy Corbyn per l'elezione di una sindacalista allineata sulle sue posizioni di sinistra. Momentum, il movimento all'interno del partito che sostiene Corbyn, ha accolto con favore la notizia, dichiarando di essere d'accordo con la convinzione della Graham che «le organizzazioni di lavoratori devono essere più forti che mai».

Il pedigree da sindacalista della Graham è impeccabile: dopo avere iniziato a lavorare come cameriera a 16 anni, a 17 ha organizzato il primo sciopero per protestare contro le condizioni di lavoro e gli stipendi troppo bassi. Da oltre vent'anni lavora a tempo pieno per il sindacato e secondo Unite ha “vinto il 100% delle dispute”.

Di recente ha avuto nel mirino grandi gruppi come British Airways e ha guidato la campagna per migliorare le condizioni di lavoro a Amazon. Al contrario di McCluskey, che era molto coinvolto nel partito laburista e aveva sostenuto Corbyn e criticato Starmer, la Graham intende combattere le sue battaglie sindacali ma restare fuori dalla politica.

La Graham è la prima donna a guidare Unite, ma non la prima a essere leader di un grande sindacato. Nel gennaio scorso Christina McAnea era stata eletta segretario generale di Unison, che con 1,3 milioni di iscritti è il maggiore sindacato in Gran Bretagna.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti