ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùL’ordinanza del ministero

L’Italia dice sì al green pass Uk, ma resta la quarantena di cinque giorni all’arrivo

L’equipollenza delle certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciata dal Regno Unito si aggiunge a quella già riconosciuta per Stati Uniti, Canada, Giappone e Israele i cui cittadini però non sono tenuti alla quarantena all’arrivo sul territorio italiano, a differenza di quelli britannici

di Andrea Gagliardi

Aggiornato il 31 luglio anno 2021, ore 10:00

Regioni chiedono un Green pass piu' leggero e piu' dosi

2' di lettura

Il ministero della Salute ha emanato una circolare sulla equipollenza delle certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate da Stati terzi, ossia extra Ue, con i requisiti necessari. Ma quali sono i Paesi terzi alle cui certificazioni vaccinali è riconosciuta la stessa validità prevista per la certificazione verde Covid-19 (Certificato Covid digitale dell'Ue) emessa dallo Stato italiano? Oltre ai Paesi dell’area Schengen (non tutti membri della Ue), Stati Uniti, Giappone, Israele e Canada, si è aggiunta ora, con un’ordinanza sempre del ministero della Salute, anche la Gran Bretagna. A differenza degli altri Paesi però, per i quali non è prevista la quarantena, i cittadini del Regno Unito, anche se muniti di green pass, continuano a essere obbligati a una mini quarantena di 5 giorni una volta arrivati in Italia

Ai cittadini di tutti gli altri Stati extra Ue l’ingresso è consentito (a seconda dei Paesi: sempre o soltanto per lavoro, salute, urgenza e studio) solo previo tampone molecolare o antigenico negativo effettuato nelle 72 ore precedenti l’ingresso nel territorio italiano. E in base alla collocazione nella lista dei Paesi con minori (elenco D) o maggiori (elenco E) restrizioni è prevista una quarantena di 5 o 10 giorni all’arrivo.

Loading...

I dati riportati

Nella circolare sono specificati i requisiti obbligatori dei certificati vaccinali extra Ue perché siano considerati validi in Italia. In particolare le certificazioni vaccinali - si legge nella circolare firmata dal Direttore generale della Prevenzione del ministero Giovanni Rezza - dovranno riportare almeno i seguenti contenuti: dati identificativi del titolare (nome, cognome, data di nascita); dati relativi al vaccino (denominazione e lotto); data/e di somministrazione del vaccino; dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato (Stato, Autorità sanitaria).

Le lingue utilizzabili

E ancora: le certificazioni vaccinali, in formato cartaceo e/o digitale, dovranno essere redatte almeno in una delle seguenti lingue: italiano; inglese; francese; spagnolo. Nel caso in cui certificato non fosse stato rilasciato in una delle quattro lingue indicate è necessario che venga accompagnato da una traduzione giurata, specifica il ministero.

I vaccini riconosciuti

Il ministero ricorda che «i vaccini ad oggi accettati in Italia e autorizzati da Ema, sono: Comirnaty (Pfizer-BioNtech); Spikevax (Moderna); Vaxzevria (AstraZeneca) e Janssen (Johnson & Johnson).

I certificati di guarigione

Per quanto riguarda le certificazioni di guarigione - si legge ancora nella circolare ministeriale - dovranno riportare almeno i seguenti contenuti: dati identificativi del titolare (nome, cognome, data di nascita); informazioni sulla precedente infezione da SarS-CoV-2 del titolare, successivamente a un test positivo (data del primo tampone positivo); dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato (Stato, Autorità sanitaria). Tutte le certificazioni di guarigione, in formato cartaceo e/o digitale - si precisa - dovranno essere accompagnate da una traduzione giurata. La validità dei certificati di guarigione - conclude il documento - è la stessa prevista per la certificazione verde Covid-19 (Certificato Covid digitale dell'Ue) emessa dallo Stato italiano.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti