La frenata di Salvini

Si tratta sulla giustizia, le misure su green pass e scuola slittano di una settimana

Incontro a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi e il leader della Lega. Rinviata l’ipotesi di inserire dal 6 agosto l’obbligo di certificazione verde sui trasporti a lunga percorrenza

Aggiornato il 29 luglio alle 10

I dati dei vaccinati al 28 luglio 2021

3' di lettura

Tutto rinviato di una settimana. Il decreto con l’estensione dell’obbligo del green pass per aerei, treni e navi e il rientro a scuola a settembre doveva arrivare nel Consiglio dei ministri di giovedì 29 luglio. Un incontro a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi e il leader della Lega Matteo Salvini ha però fatto cambiare il programma.

Una cabina di regia ad hoc si potrebbe tenere all’inizio della prossima settimana, prima del Consiglio dei ministri che varerà i nuovi provvedimenti. Nel Cdm convocato per questa mattina il tema Green Pass non sarà sul tavolo. Intenzione del governo e del premier Draghi è affrontare prima il nodo della riforma della giustizia.

Loading...

Salvini: estendere Green pass? attendere dati

Un colloquio «proficuo e cordiale» nella definizione di Palazzo Chigi, durante il quale «sono stati affrontati temi collegati alla campagna vaccinale, al Green Pass e alle misure di contrasto al Covid-19». Un’occasione nella quale Salvini ha ribadito le posizioni della Lega sul tema: «Prima di ipotizzare ulteriori limitazioni sui trasporti, sui treni, sugli aerei, obblighi per gli insegnanti, obblighi per gli operai, si aspettino dei dati - ha detto all’uscita ai cronisti il leader del Carroccio -. Perché c’è una stagione turistica in pieno corso e prima di complicare la vita agli operatori commerciali e alle famiglie con dei figli, aspettiamo che ci siano dei dati».

Salvini: «Non ci saranno altre restrizioni in settimana»

È stato poi lo stesso Salvini a dare la notizia dello slittamento di nuove misure: «Sui giornali leggevo che già oggi o domani ci sarebbero state altre restrizioni... Così non è, così non sarà. Ci pensiamo la settimana prossima in base ai dati, che per il momento, per fortuna, sono sotto controllo».

Green pass per i trasporti a lunga percorrenza

Con il decreto varato la scorsa settimana, dal 6 agosto il green pass - valido già solo con una dose o con test negativo entro le 48 ore - sarà necessario per ristoranti al chiuso, spettacoli all’aperto, centri termali, piscine, palestre, fiere, congressi e concorsi. Servirà anche nei bar ma non per consumare al bancone, anche se al chiuso. Con un nuovo decreto per ora in sospeso l’obbligo verrebbe esteso, sempre dal 6 agosto, ai trasporti a lunga percorrenza: aerei, treni, navi (ma non i trasporti pubblici locali). Un modo per evitare che con le vacanze la curva subisca dei contagi un’ulteriore impennata. Restano le perplessità che avevano spinto già la scorsa settimana a non far scattare la novità per non creare problemi a chi aveva già prenotato e rischiava di dover annullare il viaggio.

Scuola: per ora nessun obbligo vaccinale

Venerdì 30 luglio il ministero dell’Istruzione Patrizio Bianchi presenterà alle Regioni il piano scuola per il rientro nelle aule: un documento che seguirà le linee già indicate dal parere fornito dal Cts. Sul fronte delle vaccinazioni al personale scolastico per ora non ci sarà nessun obbligo ma solo una “forte raccomandazione”. Ma se i dati sulla copertura vaccinale di insegnanti e non docenti non dovessero migliorare - soprattutto in alcune regioni - la raccomandazione potrebbe diventare un obbligo attraverso un decreto. «A scuola si rientra a settembre in presenza» ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa (ospite a Radio Capital). «Per centrare l’obiettivo non possiamo pensare a un ritorno tra i banchi senza personale scolastico vaccinato. Chi si oppone non ha il senso di comunità e deve capirlo. E se non riusciremo a convincerli, li obbligheremo» ha concluso.

Presidi: difficoltà politica a pensare obbligo vaccino

Da parte loro i presidi continuano a insistere sull’obbligo vaccinale per il personale scolastico. «L’obiettivo di tutti - ha detto Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi (Anp) - deve essere quello del ritorno della scuola in presenza. Il problema è passare dalle parole ai fatti. La politica ha difficoltà a prendere una decisione sull’obbligo di vaccinazione per il personale scolastico. Questione che tratterei per tutti i servizi pubblici. I dipendenti devono essere vaccinati, se non lo fanno non ci saranno conseguenze disastrose ma queste persone non potranno aver contatto con gli utenti».


Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti