MANAGEMENT VITIVINCOLO

Gruppo vinicolo Santa Margherita, Beniamino Garofalo è il nuovo amministratore delegato

Prende il posto di Ettore Nicoletto che circa un mese fa è stato nominato al vertice di Bertani Domains

di Giorgio dell'Orefice

default onloading pic
Beniamino Garofalo

Prende il posto di Ettore Nicoletto che circa un mese fa è stato nominato al vertice di Bertani Domains


2' di lettura

Beniamino Garofalo è il nuovo amministratore delegato del Gruppo vinicolo Santa Margherita. Prende il posto di Ettore Nicoletto che circa un mese fa è stato nominato al vertice di Bertani Domains.
Garofalo, cinquant'anni milanese, viene da una lunga esperienza in multinazionali del largo consumo come Pepsico, Heinz, Danone, successivamente nel mondo del lusso con LVMH e, più recentemente, nel Gruppo Lunelli.

Arriva al vertice di Santa Margherita Gruppo Vinicolo che rappresenta oggi una delle principali realtà italiane del mondo del vino con 690 ettari di vigneti divisi tra 10 tenute in alcune delle aree del paese più vocate alla viticoltura (da Santa Margherita a Torresella, da Kettmeir a Ca' del Bosco, da Cà Maiol a Lamole di Lamole, da Vistarenn a Sassoregale da Terrelíade e Cantina Mesa), 22 milioni di bottiglie commercializzate (in Italia e in 94 paesi) per un giro d'affari di 189 milioni di euro. Un gruppo che è poi completato da Santa Margherita USA, società controllata d'importazione diretta con sede a Miami e distributrice di tutti i brand del Gruppo.


Strategia globale
«Sono orgoglioso di entrare a far parte di Santa Margherita Gruppo Vinicolo – ha detto Beniamino Garofalo – una delle realtà italiane che più hanno contribuito a cambiare il posizionamento del vino italiano nel mondo. Un Gruppo caratterizzato da un'intensa stagione di investimenti sulla base di un progetto di lungo periodo che ha portato a risultati straordinari. Ora viene il momento di consolidare questa fase espansiva, di ottimizzare l'ingresso degli ultimi brand nel Gruppo, di proseguire nella strategia di ampliamento della superficie produttiva in Italia e di progettare una ulteriore fase di crescita per tutti i marchi alla luce anche dei mutamenti delle abitudini di consumo dei nostri clienti finali».
«Con l'arrivo di Beniamino Garofalo – ha detto il presidente di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, Gaetano Marzotto - si apre una nuova stagione perché l'azienda, che in questi 15 anni ha accelerato gli investimenti (oltre 200 milioni di euro) in territori vocati, cantine all'avanguardia, vini innovativi e di qualità con collaboratori appassionati e professionali, potrà affrontare meglio le sfide poste dall'emergenza climatica con produzioni sempre più sostenibili in linea con i nostri valori e con i desideri ed i gusti delle nuove generazioni.


La missione del Gruppo è di portare il meglio della enogastronomia italiana nel mondo ed il vino è sempre più interconnesso con le eccellenze del Made in Italy. Dando fiducia a Beniamino Garofalo, manager di comprovata esperienza anche in altri settori, vogliamo rendere il Gruppo sempre più globale, verticale e vicino al consumatore finale».

Per approfondire
Vino italiano, cresce l'export (+3,6%). Stati Uniti primo mercato

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti