ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTrasporto merci

Gts Rail, nuovo servizio Parma-Zeebrugge. È il treno per l’export

Continua lo sviluppo della compagnia ferroviaria pugliese dopo l’ordine a Bombardier per nuove locomotive e l’apertura di una sede a Genova

di Marco Morino

I punti chiave

  • Un treno per l’export
  • L’ordine a Bombardier
  • Nuova sede a Genova

2' di lettura

Gts Rail, la compagnia ferroviaria pugliese, intercetta la continua crescita della domanda dei trasporti per/da il Nord Europa e programma un nuovo servizio intermodale sulla relazione Parma-porto di Zeebrugge (Belgio). La scelta non è casuale: il Belgio è il paese con il 94% di quota intermodale nei trasporti e il suo porto, divenuto un importante centro di distribuzione europeo grazie alla sua favorevole posizione, movimenta oltre 40 milioni di tonnellate di merci all'anno.

Inoltre, la sua organizzazione consentirà a Gts di arrivare direttamente in banchina Britannia dock Cobelfret da cui sarà possibile imbarcarsi, senza necessità di manovre, per varie destinazioni del Regno Unito, tra cui Purfleet e Killingholme.

Loading...

Un treno per l’export

Alessio Muciaccia, ceo di Gts, dice: «Il trasporto ferroviario merci, con la Brexit e poi la pandemia, è diventato sempre più necessario rispetto al trasporto su strada e ha acquistato maggiori consensi. E il treno si è rivelato una sorta di motore anche per il nostro export. Poter offrire più opzioni di trasporto e maggiori capacità di volumi ci permette di fornire più soluzioni, il tutto in modo più sostenibile per l’ambiente e più economico per i nostri clienti».

Grazie a questo ulteriore nuovo servizio, Gts Rail va a consolidare la propria presenza presso il terminal Cepim di Parma e con Terminali Italia, su cui già opera il trisettimanale collegamento con Ulm (Germania) e da cui si prevede un prossimo collegamento su Bari. «Contiamo - conclude Muciaccia - di far aumentare le frequenze di questo nuovo shuttle internazionale a stretto giro».

L’ordine a Bombardier

La crisi sanitaria non ferma Gts, che continua investire anche in piena pandemia, a conferma del ruolo strategico che il settore della logistica e del trasporto merci riveste fin dall’inizio dell’emergenza, garantendo la fornitura di beni di prima necessità (dagli alimentari ai prodotti sanitari). Nei mesi scorsi il costruttore ferroviario Bombardier Transportation (ora parte del gruppo francese Alstom) e Gts Rail hanno rafforzano ulteriormente la loro partnership siglando un nuovo ordine per tre nuove locomotive tipo Bombardier Traxx DC3 E.494. Aumenta così la flotta di locomotive Traxx di Gts Rail, che arriva a 20 unità complessive, tutte prodotte da Bombardier, di cui 8 di ultimissima generazione. Le locomotive sono fabbricate nel sito Bombardier di Vado Ligure (Savona).

Nuova sede a Genova

Ai primi di marzo 2021, Gts Rai ha aperto una sede a Genova. L’obiettivo è sviluppare i servizi di trazione ferroviaria per i clienti marittimi Dice Muciaccia: «Il nuovo presidio collocato nel cuore dello shipping italiano ci consentirà una maggiore vicinanza, e quindi una migliore assistenza, verso i nostri clienti. Inoltre, questa operazione porterà all’assunzione di nuovo personale, si prevede di andare a regime con 7 persone entro la fine dell'anno».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti