OPA

Guala Closures, Giovannini e Peninsula blindano il 33% in replica a Bonomi

Patto parasociale tra i due azionisti, che potrebbero opporsi all’offerta di Investindustrial. Quest’ultima ha ora il 25,2% del capitale votante

di Carlo Festa

2' di lettura

Il management, con il presidente Marco Giovannini, e il private equity Peninsula blindano il 33% di Guala Closures con un patto parasociale. Sulla società è in atto un’offerta d’acquisto di Investindustrial, che ha attualmente il 25,2% delle azioni in termini di capitale votante e circa il 30% in termini di capitale ordinario (da dati Consob). Ora resta da capire cosa succederà, visto che l’alleanza tra i due importanti azionisti potrebbe opporsi all’offerta di Investindustrial.

GCL Holding Sarl e Peninsula Capital II Sarl, azionisti di Guala Closures, hanno sottoscritto, in data 22 marzo 2021, un patto parasociale avente ad oggetto una partecipazione complessiva nel capitale di Guala Closures corrispondente al 33,092% dei diritti di voto e al 24,083% del capitale sociale, così suddivisa: per n. 6.613.614 Azioni ordinarie corrispondenti al 9,844% del capitale sociale della Società (il 10,659% del capitale ordinario composto da azioni ordinarie)e all'8,816% dei diritti di voto esercitabili nelle assemblee ordinarie e straordinarie di Guala Closures dititolarità di Peninsula; e per n. 4.322.438 Azioni Speciali B e n. 5.244.208 Azioni Ordinarie corrispondenti, complessivamente al 14,239% del capitale sociale della Società (il 100% delle Azioni B e l'8,452% del capitale ordinario composto da Azioni Ordinarie) e al 24,276% dei diritti di voto esercitabili nelle assemblee ordinarie e straordinarie di Guala Closures (in quanto le Azioni B sono azioni a voto plurimo ch econferiscono al titolare 3 voti ciascuna nelle assemblee ordinarie e straordinarie della società), di titolarità di GCL Holding. Inoltre, Peninsula, detiene n. 322.722 warrant dell'Emittente denominati “Market Warrant Guala Closures S.p.A.” mentre GCL Holding detiene n.1.000.000 warrant dell'Emittente denominati “Management Warrant Guala Closures.”

Loading...

I due alleati sostengono che «grazie alle capacità e alla vision dell'attuale management, Guala Closures è stata capace di posizionarsi come assoluta eccellenza italiana a livello mondiale, e GCL e Peninsula credono fermamente nelle sue potenzialità di sviluppo e prospettive future. In tal senso, con il patto parasociale, le parti intendono coordinarsi per perseguire le modalità più idonee di valorizzazione delle rispettive partecipazioni, fermi restando i rispettivi obiettivi strategici e finanziari. Il patto parasociale, rilevante ai sensi dell'art. 122 del D.Lgs n. 58/98 (“Tuf”) sarà comunicato nei termini e ai sensi della suddetta norma.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti