audizione alla camera

Ecobonus: rafforzamento e sisma-bonus in arrivo nel prossimo decreto secondo Gualtieri

A metà settimana le nuove misure dopo il confronto con le parti sociali. Per le imprese si pensa a un ristoro integrale del costo sopportato per tre mesi per l'affitto

di Nicola Barone

default onloading pic
(REUTERS)

A metà settimana le nuove misure dopo il confronto con le parti sociali. Per le imprese si pensa a un ristoro integrale del costo sopportato per tre mesi per l'affitto


3' di lettura

Al 24 aprile sono pervenute 1,6 milioni domande o comunicazioni di moratoria per 177 miliardi con circa metà delle domande da parte delle imprese per prestiti pari a 120 miliardi e da parte delle famiglie per 54 miliardi. I dati arrivano dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri in audizione alla Camera sul decreto Imprese. «Altissimo» è stato definito il
tasso di accoglimento delle domande, vicino al 99% circa del totale.

Previsti anche interventi a fondo perduto
Nel decreto in via di definizione saranno previste per le imprese «anche sotto forma di contributi a fondo perduto a sostegno della capitalizzazione, degli investimenti e dell'innovazione». Sul piano generale per Gualtieri le misure decise dall’esecutivo per fornire liquidità alle aziende, fra i 400 miliardi di garanzie all'export e i circa 240 miliardi di moratorie, «sono fra le più ampie in Europa con una dimensione superiore agli interventi di altri Paesi» e pari a oltre il 40% del Pil nazionale.

Subito Temporary frame, a metà settimana decreto
Si avrà già domani il nuovo adattamento del Temporary frame sugli aiuti di Stato «che ha impatto diretto su una delle parti più importanti del decreto, cioè quella del sostegno diretto alle imprese, equity e forme ibride di finanziamento» e questa «è stata una delle ragioni che ci ha portato a prendere qualche giorno in più ». Già a metà settimana -è l’auspicio di Gualtieri - si potrà chiudere il decreto. Ma «tutte le misure vanno discusse con le parti sociali con cui intendiamo avviare un confronto nelle prossime ore, prima del varo». Al pacchetto allo studio per il prossimo decreto legge «si affiancano interventi per favorire la ripresa con credito d'imposta per gli investimenti già nel 2020 e quelli di semplificazione delle procedure che andranno in un provvedimento ad hoc ma potrebbero vedere anche degli aspetti anticipati».

Verso ristoro 3 mesi affitto per imprese
Nel nuovo Dl «l'idea è di varare un ristoro integrale del costo sopportato per tre mesi per l'affitto di tutte le imprese, di qualsiasi natura e dimensioni, che abbiano subito un calo del fatturato». In più, aggiunge il ministro, troverà spazio «l'eliminazione degli oneri fissi per le bollette» e tali interventi «si cumuleranno ai sostegni diretti alle imprese».

Rafforzamento ecobonus e sisma-bonus
Ancora, nel prossimo decreto legge «ci sarà un significativo rafforzamento di ecobonus e sisma-bonus, sia elevando la percentuale sia dando la possibilità di sconto in fattura e cessione del credito per migliorare la resilienza del territorio al rischio sismico. Saranno parte del pacchetto di misure, anche considerando che l'aumento del deficit prevede risorse anche per il prossimo anno e successivi con l'obiettivo di aumentare gli investimenti».

Più credito d’imposta per bar, ristoranti, alberghi
Il governo studia inoltre un intervento per «escludere dalla Tosap (la tassa per l'occupazione del suolo pubblico, ndr) i maggiori spazi occupati per rispettare le misure di distanziamento sociale». E «ragioniamo anche su un credito d'imposta aggiuntivo per sostenere questo tipo d'investimenti da parte delle imprese, in particolare alberghi, ristoranti, bar, che devono adeguarsi maggiormente».

Impennata di richieste garanzie
«È evidente che negli ultimi giorni stiamo assistendo finalmente a un'impennata delle richieste di garanzia al Fondo da parte delle banche, il trend conferma quanto ci aspettavamo». I dati di Mcc dal 17 marzo al 30 aprile indicano 65.800 domande, di cui 31.400 accolte e queste ultime hanno generato un importo di oltre 4,6 miliardi di finanziamenti, di cui 970 milioni per finanziamenti fino a 25 mila euro. L'ultimo consiglio ha accolto 11.600 operazioni e si punta a lavorare altre 25mila domande nel corso della settimana. «Al netto delle difficoltà iniziali le misure stanno dando i primi frutti attesi», spiega Gualtieri.

Rinvii e alleggerimento per Fisco ma no a condoni
Durante l’audizione vengono ricordate dal ministro le azioni in ambito fiscale che è intenzione dell’esecutivo proseguire. Ma «altro è immaginare misure di condono fiscale» che non rientrano tra le linee politiche del governo. «Bisogna distinguere tra la necessaria sospensione e alleggerimento degli adempimenti a fronte della crisi, ed è fondamentale che il sistema fiscale sia “amico” ma anche che ci sia il giusto contrasto all'evasione che consenta di finanziare i servizi».

I nodi ancora sul tavolo della maggioranza
Intanto sul reddito di emergenza non si è accorciata tutta la distanza tra i partiti in maggioranza e rimane aperta la discussione sulle misure di sostegno alle imprese (contraria Italia Viva) e i fondi alla sanità. Dopo la riunione di governo sul decreto di maggio, domenica sera, un nuovo appuntamento è preventivato per la serata in vista del Consiglio dei ministri. Da discutere anche l'inserimento nel decreto di alcune norme per accelerare lo sblocco dei cantieri.

Per approfondire:

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti