ECOFIN

Gualtieri: digital tax italiana in vigore da gennaio

Il ministro dell’Economia ha chiarito: «Non vogliamo solo la digital tax italiana ma vogliamo che sia collocata dentro una misura definita sul piano internazionale»


default onloading pic
A sinistra, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri , intervenuto all’Ecofin (foto Epa)

2' di lettura

L’Italia si appresta a fare entrare in vigore, nell’ambito della manovra, la digital tax a partire dal prossimo anno. La misura «c’era ma non operativa», ha spiegato il ministro dell’Economia Gualtieri al termine dell’Ecofin che si è svolto in Lussemburgo, precisando che «non vogliamo solo la digital tax italiana ma vogliamo che sia collocata dentro una misura definita sul piano internazionale. Noi faremo comunque la nostra, ma siamo parte attiva del negoziato che proseguiremo a Washington al G20».

PER APPROFONDIRE - Vai al dossier “Verso la manovra”

Eurozona, bilancio limitato ma primo passo importante
Gualtieri ha anche parlato del tema sultavolo della riunione dei ministri dell’Economia e delle Finanze Ue: «L’accordo quadro sul bilancio della zona euro - ha sottolineato - è un passo importante, si tratta di un primo embrione di bilancio, un tassello sul quale si negozia da tempo che servirà a rafforzare la governance dell’Eurozona». Il ministro ha aggiunto che «si tratta di uno strumento attualmente di ambizioni inevitabilmente limitate ma è oltremodo positivo che ci sia stato un consenso all’Eurogruppo». In realtà, questo il ragionamento di Gualtieri, si tratta di una scelta che riflette lo spostamento di attenzione verso politiche pro crescita.

GUARDA IL VIDEO - Gualtieri debutta in Europa, la svolta green dell'Italia

Tobin Tax: «Passi avanti, possiamo essere in dirittura d’arrivo presto»
Gualtieri ha parlato anche di Tobin Tax: «Abbiamo avuto una riunione dei Paesi che partecipano alla cooperazione rafforzata sulla tassa sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax – ndr), cosa che l'Italia sostiene, abbiamo fatto ulteriori progressi, Scholz sta coordinando questo lavoro, stiamo facendo passi avanti, auspico che possiamo essere in dirittura d'arrivo rapidamente».

Manovra: «Auspichiamo valutazione positiva da Ue»
Infine, un passaggio sulla trattativa con Bruxelles in vista del varo della legge di Bilancio. «Auspichiamo che la manovra sia valutata positivamente» dalla Commissione Ue, senza «rigetti o altre vicende che abbiamo visto» in passato, e che invece il confronto rientri «in una normale dialettica, con chiarimenti, valutazioni, esami, tutte le sfumature previste» ma che non portino «particolari scossoni».

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...