sostenibilità

Gucci in vetta alla classifica di Fashion Revolution per attenzione alle persone e all’ambiente

Per il secondo anno consecutivo la maison ha punteggio più alto tra i brand di alta gamma nel Fashion Transparency Index, che analizza 250 aziende della moda e del lusso

di Giulia Crivelli

3' di lettura

Dalle 200 aziende prese in esame nel 2019 si è passati a 250, ma Gucci resta al primo posto tra i marchi del lusso nel Fashion Transparency Index, classifica (il termine però è riduttivo, date le variabili prese in considerazione) stilata da Fashion Revolution, organizzazione con sede a Londra che si occupa di sostenibilità e di come misurarla nei settori della moda e del lusso.

Il Fashion Transparency Index del 2019 (in inglese)

Loading...

I criteri seguiti per compilare l’Index (in inglese)

Gli obiettivi raggiunti da Gucci
Il Fashion Transparency Index fotografa, letteralmente, la trasparenza tra i più grandi 250 marchi di moda e retailer nel mondo. Nel caso di Gucci (maison di punta del gruppo Kering) Fashion Revolution ha certificato l’impegno di integrare la sostenibilità sociale e ambientale in tutte le attività nella supply chain. Gucci è al primo posto per l’alta gamma e primo tra le altre maison di Kering, con il 48% degli indicatori che compongono l’Index “positivi”, percentuale salita di otto punti rispetto al 40% del 2019. Gli indicatori sono 220 e riguardano moltissimi temi sociali e ambientali, tra i quali: welfare degli animali, salvaguardia e attenzione alla biodiversità, utilizzo di prodotti chimici, auditing della filiera, condizioni di lavoro nei vari Paesi in cui un marchio è presente o produce, attenzione al clima, politiche di genere, libertà di espressione e/o associazione all’interno dell’azienda, regole sul riciclo e riutilizzo, regole per gli acquisti di materie prime e molto, molto altro ancora.

Performance «perfetta» sugli impegni presenti e futuri
Gucci è l’unico marchio a raggiungere il 100% nella sezione Policy and Commitments, che indica le politiche annunciate e condivise su vari temi e che esamina i modi in cui un’azienda ha fatto seguire agli annunci azioni concrete.

Esempi delle iniziative di Gucci
Sul grande tema delle emissioni, la maison sostiene i progetti REDD+ per la compensazione delle emissioni residue; l’iniziativa Gucci Scrap-Less invece cerca di minimizzare gli scarti della lavorazione della pelle e di riutilizzare tutto quello che resta dopo aver “ritagliato” le parti che servono per un certo prodotto. Ci sono poi progetti sociali, come I was a Sari, portato avanti in India dove Gucci fornisce training di formazione sulla tecnica del ricamo per aiutare le donne indiane che ne fanno parte ad acquisire una professionalità e l’indipendenza economica (foto in alto).

Il recente impegno per la biodiversità a fianco dell’Onu
All’inizio di febbraio Gucci aveva annunciato di essersi unita al Lion’s Share Fund , un’iniziativa guidata dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (Undp) di raccolta fondi a sostegno della tutela degli animali selvatici e della biodiversità, attiva a livello globale. Il fondo mira a raccogliere oltre 100 milioni di dollari l'anno nei prossimi cinque anni per svolgere azioni di tutela e salvaguardia oltre alla creazione di zone protette per la fauna selvatica e Gucci è stato il primo brand del lusso ad aderire all'iniziativa

Fashion Revolution in Italia
Nel nostro Paese c’è anche l’inziativa di Fashion Revolution Italy , che invita tutti, fino al 26 aprile, a indossare un indumento al contrario, scattare una foto e postarla sui social chiedendo ai brand “Chi ha fatto i miei vestiti?” con gli hashtag #WhoMadeMyClothes #FashRev.

L’opinione e la filosofia della fondatrice di Fashion Revolution
«Quando tutto nell’industria della moda è focalizzato sul profitto, i diritti umani, l’ambiente e i diritti dei lavoratori vengono persi – spiega Carry Somers, co-fondatrice di Fashion Revolution –. Abbiamo deciso di mobilitare le persone in tutto il mondo per farsi delle domande. Scopri. Fai qualcosa. L’acquisto è l’ultimo click nel lungo viaggio che coinvolge migliaia di persone: la forza lavoro invisibile dietro ai vestiti che indossiamo. Non sappiamo più chi sono le persone che fanno i nostri vestiti, quindi è facile far finta di non vedere e come risultato milioni di persone stanno soffrendo, perfino morendo.» Il riferimento è alla tragedia accaduta il 24 aprile del 2013 in Bangladesh: 1.133 persone morirono e molte altre rimasero ferite quando il complesso produttivo di Rana Plaza, a Dhaka, crollò e si scoprì poi che al suo interno lavoravano molte persone addette alla confezioni di abiti di marchi occidentali.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti