ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIn Aula alla Camera

Guerra Ucraina, domani al voto 5 mozioni. Senato, emendamento maggioranza proroga invio armi al 2023

Il documento di FI, Lega e FdI chiede al Governo di portare la spesa per la difesa al 2% del Pil, anche promuovendo “l’esclusione delle spese per gli investimenti nel settore della difesa dal computo dei vincoli di bilancio”

Meloni: "Crisi energetica non è figlia della guerra in Ucraina"

4' di lettura

L'appuntamento è per domani, martedì 29 novembre: alle ore 10 l’Aula della Camera ha in agenda la discussione generale delle mozioni sul conflitto Russia-Ucraina. Un tema politicamente “caldo” che permetterà di rilevare la tenuta della maggioranza - orientata a una mozione unitaria di sostegno all’Ucraina con disco verde all’invio di armi a Kiev - e la capacità di compattarsi dell'opposizione. Cosa tutt’altro che facile: alla vigilia del voto, fonti interne assicurano che il Pd si asterrà o voterà contro per la mozione Ucraina presentata dal M5S, a prima firma Giuseppe Conte: “Di certo non voteremo a favore se loro si asterranno sulla nostra, noi faremo altrettanto sulla loro”.

La linea della maggioranza sul conflitto in Ucraina, in attesa di leggere la versione definitiva delle mozioni all'attenzione di Montecitorio, emerge comunque chiara da un emendamento al decreto sulla partecipazione alle missioni Nato e sulle misure per il servizio sanitario in Calabria, ora all'esame del Senato. La proposta di modifica, presentata dai relatori Roberto Menia (FdI) e Clotilde Minasi ( Lega), prevede la “proroga fino al 31 dicembre 2023” dell'invio di armi e “mezzi militari” in Ucraina. l’Alleanza Verdi-Sinistra insorge: “Un colpo di mano”. Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, accusa il “governo dei furbetti”. Nel decreto “ci sono le misure straordinarie per la sanità della Calabria, una proroga per alcune commissioni Aifa, e misure per personale alla Nato. E che fanno? Ci mettono dentro la proroga per altri 12 mesi per le armi all'Ucraina. Uno schiaffo in piena regola al Parlamento”.

Loading...

Maggioranza: sì a spese difesa pari a 2% Pil, senza vincoli di bilancio

La bozza non definitiva della mozione cui lavorano i partiti della maggioranza impegna il Governo, tra le altre cose, “a sostenere le iniziative normative necessarie a prorogare fino al 31 dicembre 2023 l'autorizzazione, previo atto di indirizzo delle Camere, alla cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari alle autorità governative dell'Ucraina nei termini e con le modalità stabilite dall'articolo 2-bis del decreto-legge 25 febbraio 2022, n. 14”, la cui validità scadrà il 31 dicembre prossimo.

In un altro passaggio la mozione della maggioranza impegna il Governo, tra le altre cose, “ad assumere tutte le iniziative necessarie per conseguire l’obiettivo di una spesa per la difesa pari al 2% del Pil, anche promuovendo, nel quadro della riforma del Patto di stabilità e crescita, l’esclusione delle spese per gli investimenti nel settore della difesa dal computo dei vincoli di bilancio”.

M5S: impegno Governo a illustrare in Parlamento eventuale invio armi

Le mozioni sul tavolo, salvo novità last minute, dovrebbero essere cinque: oltre a quella su cui lavora la maggioranza, a firma congiunta di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, hanno presentato mozioni anche Pd, Azione-Iv, Alleanza Verdi-Sinistra e Movimento 5 Stelle. Quest’ultima impegna il Governo, tra l’altro, “a voler illustrare preventivamente alle Aule parlamentari l’indirizzo politico da assumere in occasione di consessi di carattere internazionale riguardanti il conflitto Russia-Ucraina, compreso quello concernente l’eventuale invio di forniture militari, al fine di tenere conto degli indirizzi dalle stesse formulati”. Tra le sette richieste di impegno all’Esecutivo anche la promozione di “iniziative in cui il nostro Paese si faccia interprete e protagonista di una nuova fase di sforzi diplomatici affinché sia scongiurato si rischio di una ulteriore escalation militare” e “la convocazione di una Conferenza sulla Sicurezza in Europa, al fine di ristabilire, in nome di un rinnovato spirito di Helsinki, un quadro di pace, sicurezza e cooperazione, nonché avviare un percorso per una Conferenza multilaterale sulla pace”.

Mozione Pd: garantire a Kiev il diritto all’autodifesa, ritiro immediato delle forze russe

La bozza del testo elaborato dai dem impegna il governo “ad adoperarsi in ogni sede internazionale per l'immediato cessate il fuoco e il ritiro di tutte le forze militari russe che illegittimamente occupano il suolo ucraino, ripristinando il rispetto della piena sovranità e integrità territoriale dell'Ucraina”. Nelle premesse del testo messo a punto dai dem, tra le altre cose, si sottolinea il fatto che “l’Ucraina ha esercitato il suo legittimo diritto di difendersi dall’aggressione russa” e si fa anche un esplicito riferimento al fatto che “è sempre più diffuso nel nostro Paese un sentimento pacifista, nel cui solco, il 5 novembre scorso, si è svolta a Roma una importante manifestazione di piazza, alla quale hanno partecipato migliaia di persone, per ribadire solidarietà al popolo ucraino aggredito e chiedere alle istituzioni di promuovere ogni sforzo utile a condurre il prima possibile a una risoluzione pacifica e giusta del conflitto”.

Altri punti salienti del documento del Partito democratico sono l’impegno del Governo a garantire pieno sostegno e solidarietà al popolo e alle istituzioni ucraine con “tutte le forme di assistenza necessarie” assicurando “il diritto all’autodifesa”, ma lavorando anche per “una Conferenza di pace”. Prioritario anche un “ampio coinvolgimento delle Camere” sugli sviluppi della guerra prevedendo che l’impegno dell’Italia nel sostegno a Kiev sia oggetto di un apposito provvedimento legislativo.

Terzo Polo: sostegno militare senza riserve a Kiev

La Camera impegna il Governo “a proseguire senza riserve l’attività di sostegno, economico e militare, a Kyiv e al popolo ucraino, in continuità con le azioni intraprese ed i provvedimenti adottati dall’esecutivo guidato da Mario Draghi, anche mediante l’invio di nuovi equipaggiamenti bellici, tenendo opportunamente informato il Parlamento sulle decisioni che si intenderanno assumere”. È quanto si legge invece nella mozione sull’Ucraina depositata da Azione-Iv, a prima firma Richetti. Il testo impegna il Governo anche “ad adottare iniziative di competenza per esigere dalle Autorità russe l’immediata cessazione delle operazioni belliche e il ritiro di tutte le forze militari entrate illegittimamente in Ucraina dopo il 24 febbraio 2022, in modo da aprire la strada a un vero ’cessate il fuoco’”.

Avs chiede di interrompere la fornitura di armi a Kiev

La Camera impegna il Governo “a interrompere la fornitura di equipaggiamento militare, concentrando tali risorse sull’assistenza umanitaria e la ricostruzione”. È uno dei passaggi chiave della mozione sull’Ucraina depositata dall’alleanza Verdi-Sinistra (Avs). Il testo impegna il Governo anche “a fornire al Parlamento ogni elemento utile circa la natura e la quantità di equipaggiamento militare fin qui fornito all’Ucraina”; “ad adottare iniziative di competenza volte ad estendere l’applicazione della direttiva 2001/55/CE del Consiglio per la concessione della protezione temporanea a tutti coloro che fuggono dalla guerra, senza alcuna distinzione o discriminazione riguardante la nazionalità o il conflitto”. Sollecitato anche un cambio di strategia “dando priorità alla costruzione di un processo di pace e all’attivazione di canali negoziali”, attivandosi per la convocazione “di una conferenza multilaterale per la pace e la sicurezza guidata dalle Nazioni Unite”.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti