con la crisi esplode il lavoro autonomo

Guide, informatici, formatori e wedding planner: è boom di nuove professioni

di Marzio Bartoloni


default onloading pic
(Marka)

2' di lettura

L’Italia si conferma il Paese delle partite Iva, dei free lance, del lavoro autonomo. Tra il 2008 e il 2015 a fronte di una riduzione netta dell’occupazione complessiva, i professionisti sono cresciuti del 15% e, in quest’ambito, le nuove professioni “indipendenti” sono aumentate di oltre il 50%, collocandosi per la quasi totalità nel commercio, nel turismo e nei servizi. Con un boom al Sud dove sono aumentati del 73%. I numeri emergono da uno studio presentato da Confcommercio nell’incontro sulle «professioni tra rappresentanza e riforme».

Sono più di 1.300.000 i liberi professionisti in Italia, pari a circa il 6% degli occupati complessivi, con un reddito medio pro capite di oltre 38mila euro. È quanto emerge da un’analisi dell'Ufficio Studi Confcommercio sul ruolo delle nuove professioni nel terziario, che traccia l’identikit delle nuove professioni ed evidenzia come i liberi professionisti, a fronte di una contrazione di tutte le componenti dell'occupazione tra il 2008 e il 2015, siano invece aumentati di quasi il 15%. La maggioranza dei liberi professionisti (983 mila), spiega la ricerca, è iscritta ad albi o ordini, con un reddito medio pro capite di quasi 45mila euro, mentre i professionisti non ordinistici, cioè le nuove professioni (free lance, professionisti indipendenti), sono 344 mila con un reddito medio pro capite di 16.500 euro. Negli ultimi 6 anni sono questi ad aver registrato la maggiore crescita: +51,6% contro il +14,8% dei liberi professionisti e il +5,8% di quelli iscritti agli ordini. «Siamo di fronte ad un bivio - ha detto il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli -: o valorizzare queste professionalità facendole crescere o condannarle ad un ruolo residuale, se non si risolvono i problemi strutturali della nostra economia, in particolare l'eccesso di burocrazia e di
pressione fiscale».

A livello geografico il boom si registra in particolare nel Mezzogiorno dove, al calo degli occupati in generale di quasi mezzo milione, tra il 2009 e il 2015 i professionisti indipendenti crescono di quasi il 73%. In questa categoria rientrano le figure regolamentate ma che non hanno ordini come, ad esempio, le guide turistiche, gli amministratori di condominio, i consulenti tributari, gli informatici, i wedding planner, i designer, i grafici, i formatori. I nuovi professionisti si inquadrano per la quasi totalità nei servizi di mercato (97%), svolgono soprattutto attività professionali, scientifiche e tecniche (per il 52,1%), con un reddito medio pro capite di 18mila euro. Guadagna di più chi opera nelle attività di consulenza gestionale (oltre 24mila euro) e nei servizi informatici (oltre 21mila euro). Tra il 2008 e il 2015, le attività che hanno registrato i maggiori tassi di crescita del numero di professionisti sono: istruzione e formazione (+130,4%), sanità e assistenza sociale (+89%), attività artistiche, sportive e di intrattenimento (+55,7%), attività professionali, scientifiche e tecniche (+44,1%).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...