Emergenza terremoto

Haiti, il bilancio del sisma sale ad almeno 2.189 morti e 12mila feriti

Il Paese caraibico, ancora provato dal sisma del 2010 che uccise oltre 200mila persone, versa nel caos, anche per il passaggio dell'uragano Grace, che ha provocato fortissime piogge in tutta l'area

Haiti, terremoto di magnitudo 7.2: centinaia le vittime

2' di lettura

È salito ad almeno 2.189 morti, oltre 12mila feriti e 332 dispersi il bilancio del terremoto di magnitudo 7.2 che cinque giorni fa ha colpito la zona sud occidentale di Haiti distruggendo più di 7mila case e danneggiandone più di 12mila. Lo ha reso noto ieri sera la Protezione civile locale sul proprio account Twitter, aggiungendo che “le operazioni di soccorso e ricerca continuano”. “Abbiamo circa 600mila persone direttamente colpite e che necessitano di assistenza umanitaria immediata”, ha affermato Jerry Chandler, direttore della Protezione civile haitiana.

Tensioni per la lentezza degli aiuti

Ma il Paese caraibico, il più povero delle Americhe, ancora provato dal sisma del 2010 che uccise oltre 200mila persone, versa nel caos, anche a causa del maltempo portato dal passaggio dell'uragano Grace, che ha provocato fortissime piogge in tutta l'area. Una situazione drammatica, acuita dalle tensioni per la lentezza degli aiuti. Nel piccolo aeroporto della città costiera di Les Cayes, una folla si è radunata fuori dalla recinzione all'arrivo di un volo di soccorso, i cui equipaggi hanno poi iniziato a caricare le scatole con gli aiuti alimentari sui camion in attesa. Una guardia della sicurezza ha sparato due colpi di avvertimento per disperdere un gruppo di giovani. Una folla di persone esasperate si è anche ammassata sugli edifici crollati della città, cercando di creare rifugi temporanei per ripararsi dal passaggio della tempesta tropicale.

Loading...

L’uragano Grace colpisce anche il Messico

Dopo aver colpito Haiti, Giamaica e Isole Cayman Grace, classificata come tempesta tropicale di categoria 1, ha fatto rotta verso la Riviera Maya, il cuore dell’industria turistica messicana. La costa caraibica del Messico è stata quindi flagellata nelle ultime ore con forti piogge e forti venti durante tutta la notte, e terrà i turisti lontani dalle spiagge di sabbia bianca fino a quando non finirà di attraversare la penisola dello Yucatan.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti